MAZZATA DA 87 MILIARDI

<p>La Cgia di Mestre: nel 2012 i contribuenti italiani arriveranno a pagare 19,9 miliardi di tasse in più; 87,3 miliardi in più in tre anni. Bortolussi: "Il governo ha agito solo sulle entrate"</p>

Se il governo Monti manterrà le promesse e con ottobre arriverà anche l'aumenta relativo all'Iva, nel 2012 i contribuenti italiani arriveranno a pagare 19,9 miliardi di tasse in più rispetto all'anno precedente.

Nel 2013, sottolinea uno studio della Cgia di Mestre, l'aggravio fiscale sarà maggiorato di 32,5 miliardi. E l'anno successivo il peso delle nuove imposte sarà di 34,8 miliardi. Il raggiungimento del pareggio di bilancio costerà agli italiani 87,3 miliardi in più in tasse, un peso che ripartito su ogni famiglia dà un risultato di 8.200 euro in più a nucleo famigliare.

L'analisi della Cgia si basa sullo studio di tutti i provvedimenti principali del governo Monti ad oggi: dal "salva Italia" al disegno di legge relativo al mercato del lavoro, che potrebbe essere approvato verso fine estate. Non rientrano invece nello studio della Associazione degli Artigiani gli effetti del decreto sulle semplificazioni fiscali.

"Rischiamo di rimanere soffocati dalla tasse", sottolinea il segretario della Cgia, Giuseppe Bortolussi, che concede a Monti il tentativo riuscito di salvare il Paese dal fallimento ma accusa: "Si è agito solo ed esclusivamente sul fronte delle entrate. Nel salva Italia, ad esempio, l’effetto complessivo della manovra è costituito per l’81,3% da nuove entrate e solo il 18,7% da tagli alla spesa". 

Commenti

cgf

Sab, 21/04/2012 - 13:26

tagliare qualche costo, sopratutto "politico", no?

Ritratto di emarco54

emarco54

Sab, 21/04/2012 - 14:05

ritengo sia inaccettabile lasciare allo stato e ai comuni, tra imposte dirette , indirette e patrimoniali, oltre la metà del reddito faticosamente prodotto. E come non bastasse subire anche tagli sui risparmi o sugli investimenti immobiliari costati fatica, privazioni e debiti. BASTA ! rimane una sola strada: considerando che l'iva siamo costretti a pagarla e che le imposte sul reddito vengono trattenute alla fonte, NON DOBBIAMO PAGARE ALTRO. Rifiutiamoci di farlo se no non potremo risparmiare niente per la nostra vecchiaia e per i nostri figli.

olipink

Sab, 21/04/2012 - 14:22

Ma chi l'ha prodotto il debito pubblico, noi? Direi di no. E allora chi crea debito si deve preoccupare di pagarselo il debito, non chiedere ad altri. Le aziende che si sono indebitate e ora non ce la fanno perchè i debiti sono troppi, sono obbligate a chiudere. Perchè lo stato deve venire da noi e chiederci continuamente più soldi? Che chiuda pure lo stato, visto che è stata la politica a fallire. Punto e basta

matrix2008

Sab, 21/04/2012 - 17:37

Ripeto Li Abbiamo Messi Noi A Governarci E Tassarci, Quindi E' Vero Che: Siamo Un Popolo Bue E Di Bimbominkia. Adesso Paghiamo Zitti In Silenzio E Come Casini Osanniamo Il Salvatore Dell'italia Sua Massoneria Monti Bocconiano Di Fama Internazionale

SheIsNotThere

Sab, 21/04/2012 - 17:48

Ringraziamo il precedente governo PDL-Lega per quei tre anni a tirare avanti sostenendo che andasse tutto bene, crisi percepite, ristoranti pieni. Tre anni a parlare di processi brevi e lunghi, intercettazioni, nucleare, cordate Alitalia, scudi fiscali, risarcimenti alla Libia, ministeri al nord, legittimi impedimenti e immunità. GRAZIE.

frateindovino

Sab, 21/04/2012 - 17:51

a pagare solo gli onesti, ci sono zone con il 90% di case abusive, Monti....vai a farti pagare l'imu. e quasi quasi mi viene da tifare per loro....

ambrogio.brambilla

Sab, 21/04/2012 - 17:51

E queste tasse non sono forse state votate dal PDL?

ilbarzo

Sab, 21/04/2012 - 18:16

Piu' che tagliare la spesa,sarebbe opportuno tagliare le teste .

ambrogio.brambilla

Sab, 21/04/2012 - 18:18

Una svetagliata di tasse votate anche dal PDL!

Ritratto di vaipino

vaipino

Sab, 21/04/2012 - 18:29

L'odio della sinistra verso grillo non è una questione di voti ma di soldi. Grillo da un po di tempo dice che vuole nazionalizzare le banche e mandare in galera chi le ha gestite, potete immaginare dei compagni senza banche ed assicurazioni? Immaginate il compagno Profumo senza le superliquidazioni? Delle quali una buona parte le gira al partito in nero o sottoforma di contributi. I dirigenti compagni non hanno mai lavorato, l'unico motivo di esistenza è quello di piazzare i loro uomini nelle cabine di comando e farsi riempire di soldi, hanno un bacino di votanti ciechi e sordi che gli perdonano qualsiasi ruberia. Se la prendono con i padroni e poi danno la tessera n1 a De Benedetti il quale di occupazione e diritti se ne è sempre sbattuto altamente, ma gli accontenta con due giornalini (Espresso e Repubblica) il PD è una associazione dove la dirigenza lucra e il popolino cucina alle feste dell'unità. Questo grillo lo sa e intende sottrarre denari a questa casta per farla crollare.

xgerico

Sab, 21/04/2012 - 18:31

Indovina indovinello...... chi si era "impegnato" con il bilancio in pareggio nel 2013???

gianni.g699

Sab, 21/04/2012 - 18:42

Ringraziate pure monti killer e il suo seguito di lecchini dal PDR in giù fino agli uscieri !!! ... PULIZIA !!! FUORI TUTTI con l'obbligo di restituzione del malloppo !!!

gbsirio_1962

Sab, 21/04/2012 - 18:47

italiani popolo di sudditi..dove eravate in tutti questi anni quando c'era da scioperare o protestare '' quando questi politicanti ci hanno demolito lo stato sociale e i diitti aquisiti in anni di conquiste dei lavoratori ??? avete voluto Craxi, Andreotti, Berlusconi, Prodi, Bossi e compagnia bella ?? e adesso BECCATEVI QUESTO !!!!!

macchiapam

Sab, 21/04/2012 - 18:48

Che occorrano nuove tasse per far quadrare i conti è difficilmente negabile; ma poichè la pesante tassazione scoraggia le nuove iniziative e investimenti, cioè la "crescita" come s'usa dire, è indispensabile che essa si accompagni a provvedimenti seriamente incentivanti gli investimenti, concedendo loro sostanziosi vantaggi fiscali. Invece di questo non s'è visto e non si vede niente: la cosiddetta riforma del mercato del lavoro (inutile prova di forza) è ridotta a un pannicello caldo e, quanto al resto, il governo si limita ad auspicare la crescita a parole, ma senza adottare nessun provvedimento allo scopo. L'impressione è che dopo il primo momento di euforia il governo dei "tecnici" sia effettivamente paralizzato, come del resto era logico che fosse. Bisogna andare subito a nuove elezioni, con una legge elettorale che preveda un rassicurante premio di maggioranza.

AnnoUno

Sab, 21/04/2012 - 18:49

Ed io dovrei alzarmi tutte le mattine alle 6 e sgobbare l'intera giornata SOLO per pagare le tasse? Col Cavolo! Se devo lavorare e poi comunque morire di fame, allora non lavoro e faccio morire anche i parassiti.

federossa

Sab, 21/04/2012 - 18:55

Questi "prof" ci costono 1 mione di euro al mese. L'unica cosa che hanno saputo fare è di far pagare ai LAVORATORI i benefici della CASTA: MAGISTRATI, POLITICI, figlindi******....! Via MONTI e tutti i parassiti (Fini-to il gambero, napolita no cadavere parlante, e tutti i loro AMICI)

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Sab, 21/04/2012 - 19:10

Dopo tanti anni,emerge chiaro(finalmente),il fatto che per effetto di un "sistema pubblico",cresciuto a dismisura,in modo sproporzionato Nord-Sud,basato sull'assistenza,sul collocamento(a scopi elettorali),di potere partitocratico/sindacalista),sull'accoglienza incontrollata,sulla abbuffata legalizzata dei politicanti,sui privilegi delle varie caste,corporazioni,il SISTEMA ITALIA dovendosi confrontare con la GLOBALIZZAZIONE,appesantito da un fardello di debiti/interessi accumulati,non riesce più a navigare. La perversa correlazione consumo:produzione,si è rotta. Ridurre questa "spesa pubblica",sarà dura se non impossibile,ed i politicanti di oggi,di ieri(qualcuno comincia a capirla...),ne sono responsabili. Pertanto,anzichè ridurre questa spesa pubblica(osteggiata come riduzione del "servizio"),si è innescato con la alta tassazione(che non diminuerà),un meccanismo per cui la maggior parte del sistema(quello che con difficoltà,produce beni vendibili),in pratica deve mantenere l'altra.

Ritratto di Fabrizio Bulleri

Fabrizio Bulleri

Sab, 21/04/2012 - 19:25

Ho seguito, nei giorni scorsi su la 7, dopo cena il dibattito tra economisti ( veri !!! Docenti Universitari) e rappresentanti di governo alternati a giornalisti favorevoli a questo governo. Ebbene tutti gli intervistati hanno detto che quella del governo Monti non e che un guazzabuglio di decreti e leggine senza capo ne coda. Solo per fare cassa che da buon "furbone di banchiere" riesce a fare con destrezza e senza guardare in faccia nessuno! Solo che cosi' facendo andiamo diritti diritti in recessione, allora la compagnia: ABC e soci Piagnucolerà il meta culpa e noi italiani suderemo lacrime e sangue. Ma questa volta voglio vedere ABC e soci attaccati per i piedi come e' già successo! (SONO INC.......TISSIMO !)

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 21/04/2012 - 20:56

un grazie a tutti quei signori ........ tutti a far finta di niente .........e ora il conto è salato x tanti .ma la colpa è anche nostra abbiamo lasciato passare tutto tanto questo è un paese "sano e ricco " rubano non ci interessava mandavano in pensione dopo 15 anni "tocchera poi anche a noi" .........non pagano le tasse "sono dei furbi" ..... ci sta la mafia " roba del sud " ecco che siamo finiti ad un passo dal fallimento del paese

chiachia75

Sab, 21/04/2012 - 21:10

Se questo cadavere andrà avanti così, molti italiani smetteranno di cercarlo proprio il lavoro, tanto sarebbe inutile (servirebbe quasi esclusivamente per pagare le tasse e continuare ad arricchire i parassiti di tutte le razze che infestano il Paese) e, di conseguenza, per l'Italia sarebbe finita...CONTENTI VOI

Ritratto di ursula.liefke

ursula.liefke

Sab, 21/04/2012 - 21:17

Abbiamo capito tutti che il governo Monti manda il Paese a picco!! Proprio lui, che ha lavorato per la Goldman Sachs....... Ci vorranno 10 anni prima che l'Italia si possa riprendere, ma quanto gente perderà tutto e quanti ancora si toglieranno la vita. Come fa a dormire questo "supercervello", perchè non torna alla Bocconi a fare semplicemente il professore. Ma non scordiamoci neanche che è la Germania che ricomincia a pretendere di dominare e dettare le sue regole. Io sono tedesca, credetemi.

Gianna Lorella

Sab, 21/04/2012 - 21:20

E' l'ora della disubbidienza fiscale. Adesso o mai più.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 21/04/2012 - 21:46

Dai dati dell’ISTAT e dai riscontri dell’opinione pubblica, si evince con lapalissiana chiarezza che le tasse sono in costante aumento da anni, che il trend negativo del fatturato dell’industria inizia ad aprile 2011, il trend negativo delle ordinazioni inizia a marzo 2011, il trend negativo del PIL inizia nel secondo trimestre del 2010, l’aumento del tasso di disoccupazione comincia a luglio 2011, il crollo delle retribuzioni inizia a giugno 2011, l’aumento dei prezzi al consumo ha raggiunto il picco a ottobre 2011, il rapporto PIL/debito pubblico e’ in costante aumento da anni (esclusi quelli del centrosinistra). A proposito, e lo spread? Dai livelli atomici di silvio (580 a fine ottobre 2011) ai livelli attuali di Monti (sotto 400). Cari silvioti cos’altro vi serve per capire il fallimento del berlusconismo? Informatevi prima di scrivere panzanate. Questi sono i dati, non la propaganda del paese del bengodi che vi siete bevuti per 18 anni. Riprendetevi dall’ubriacatura del berlusconismo e lasciate perdere Monti che ha evitato il fallimento certo se rimaneva il cav Bellachioma Tinto di Tintura.

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 21/04/2012 - 21:49

Dicono che c’e’ la crisi mondiale. Menzogna. La crisi mondiale In Italia c’era fino al primo semestre 2009, dove si era raggiunto il baratro della caduta libera con dati disastrosi su fatturato, ordinazioni, PIL, disoccupazione, retribuzioni, inflazione, rapporto PIL/debito pubblico. Il tutto in linea col resto del mondo. Poi dal 2010 in Italia c’e’ stata una ripresa, sempre in linea con il resto del mondo. Ma come mai l’Italia nel 2011 (assieme a Spagna e Grecia) e’ ripiombata negli inferi mentre il resto del mondo sta continuando la lenta risalita? Io una risposta ce l’avrei: un paese lasciato a se’ stesso? Governo impresentabile che ha attratto gli attacchi degli speculatori internazionali? Intento a risolvere uno a uno i problemi del solito noto e incriccati? Intento a soddisfare i piaceri lascivi di un premier volgare e impresentabile? Che ne dite sudditi?

Ritratto di alenovelli

alenovelli

Sab, 21/04/2012 - 21:58

Ma come, quando c’era il cav. Bellachioma Tinto di Tintura era sempre colpa degli altri, una scusa pronta la trovavate sempre anche di fronte alle peggiori malefatte. Adesso che c’e’ Monti, che sta rimettendo in sesto quel rottame chiamato Italia ricevuto in eredita’ dai soliti noti, e’ tutta colpa sua. Con Monti le scuse non esistono. Perche? Perche’ siete dei vigliacchi.

Leo.1050

Dom, 22/04/2012 - 07:25

Ladroni! Italiani onesti, NON ANDATE A VOTARE!

Cirilla

Dom, 22/04/2012 - 08:49

Cosi siamo tutti bravi, ma provi a togliere per esempio ai sindacati o alle Coop il trattamento speciale o addirittura l'esenzione delle tasse, o per esempio alla magistratura lo spreco di nostri soldi per cause inventate di sana pianta o ignorando la differenza tra pubblico e privato, e tanti altri abusi contro tutti, ma mai contro la sinistra. Dite la verità, è la paura che ve lo impedisce? Ma se siamo a questo livello, (ed è chiaro che lo siamo) allora richiaimate tutti i nostri soldati immediatamente, che potranno diffenderci dal NEMICO che abbiamo in casa.

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Dom, 22/04/2012 - 09:08

Oramai lo abbiamo capito tutti, o quasi, economisti e gente della strada, se non mettiamo mano ai tagli, quelli veri, non se ne esce. Maggiori tasse come ha dimostrato la storia recente deprimono i consumi, affossano la produzione, producono disoccupazione e quindi ulteriore spesa pubblica. Non ci siamo, bisogna veramente tagliare i rami secchi, altri paesi meno indebitati di noi hanno già cominciato. Iniziamo pure dal taglio dei rimborsi elettorali ai partiti (già auspicato da circa vent'anni) ma urge un riordino drastico del settore pubblico gonfiato a dismisura dalle logiche dei soliti partiti. Via gli enti inutili, i finanziamenti a pioggia per opere mai realizzate, gli acquisti di attrezzature mai messe in funzione. Meglio dare il sussidio di disoccupazione anziché tenersi cinquecento dipendenti in un museo statale dove ne basterebbero trenta. Dismissioni e privatizzazioni che fine hanno fatto. Ci rendiamo conto che non è semplice, per questo che abbiamo assunto dei professori.

Ritratto di RoseLyn

RoseLyn

Dom, 22/04/2012 - 09:47

Non si vota neppure alle amministrative. Domanda retorica: che fine hanno fatto gli interventi privati volontari per il restauro e il finanziamento di opere locali. L'idea che tocchi sempre ai soliti poveri cristi che pagano il mutuo (l'addizionale comunale e regionale in busta paga, tassa rifiuti, acqua, gas, Imu e quant'altro) a dover sborsare altri soldi per la cura e il restauro dei monumenti, del resto le nostre belle città antiche ne sono piene zeppe. Ovvio che i fondi a disposizione dei comuni sono già spesi in partenza a fronte di stipendi e consulenze esterne. Nessuno controlla queste spese, si preferisce istituire un nuovo balzello. Chissà se avremo mai il tempo noi poveri sudditi di visitare uno di questi monumenti che contribuiamo a salvare e se avremo l'animo dovutamente leggero per poterlo apprezzare, vessati come siamo da mille preoccupazioni e altrettanta amarezza.

charmant2

Dom, 22/04/2012 - 10:09

Ho sentito dire da un economista invitato alla trasmissione di Floris,Ballarò,che se il Governo vendesse tutti quei beni di cui dispone,il debito pubblico che inesorabilmente aumenta e per il quale si sborsano fior d'interessi, si potrebbe ridurre di un bel trenta per cento. Ammesso che sia vero,tuttocciò ci porterebbe ad una diminuzione della pressione fiscale dandoci l'impressione positiva di sperare di vivere appena appena un pò meglio. Ed allora,se questo economista non è un folle,perchè Monti non considera se risponde a verità quanto detto,e quindi prendere questa strada che ci eviterebbe di vivere da miserabili per chissà ancora per quanto tempo? Ciò che vedo,è il disinteresse assoluto per i nostri problemi esistenziali da parte degli autorevoli scienziati preposti al Governo. Ci tirano il sangue,ma il debito pubblico non cala.Amen

ilPavo

Dom, 22/04/2012 - 11:44

Bisogna che Marietto dia un segno tangibile della sua presenza anche sui tagli alle spese dello stato, chiusura di enti inutili, riduzione del numero dei parlamentari, riforma del finanziamento ai partiti (se non totale abolizione e che vadano a raccoglier fondi facendo politica sul territorio), valorizzazione e vendita del patrimonio immobiliare dello stato, abolizione delle provincie, fine della lottizzazione delle società pubbliche e partecipate... ecc. ecc. ecc.

masbalde

Dom, 22/04/2012 - 11:49

SCIOPERO FISCALE: a giugno paghiamo solo il 10-20% dell'Imu, chiediamo in cambio a Monti che riduca di 2 terzi tutti gli stipendi di politici e manager di stato nonchè il finanziamento ai partiti: dopo che lo avrà fatto, pagheremo il saldo a dicembre con gli interessi legali, non quelli di Equitalia. Usiamo il blog per organizzare lo SCIOPERO FISCALE.

kkkkkarlo

Dom, 22/04/2012 - 12:22

Per queste manovre bastavano i vecchi politici, altro che governo dei professori!

flavia colombo

Lun, 23/04/2012 - 13:20

Non capisco perchèMonti ,capace,intelligente,si ostini sulla linea delle grandi tasse che ci stanno portando al tracollo,alla sparizione del ceto medio, nell'impoverimento totale della popolazione tranne che la razza politico-istituzionale(che avrà provveduto per tempo a portare al sicuro con ogni mezzo il proprio capitale)Mi aveva dato l'impressione di persona proba e affidabile.Siccome non lo credo uno stupido ,ora penso sia in malafede,o forse ostaggio-compice di poteri contrari all'interesse dell'Italia.Con i tagli agli sprechi:province,partiti,burocrazia,privilegi,pensioni d'oro,ambasciate,enti inutiliecc non ci sarebbe bisogno di nessuna manovra....per sempre!!!Chiuda i buchi prima di strozzarci per niente.Se gli sprechi restano sarà una manovra a vita!!!Non ci sarà mai fine.

flavia colombo

Lun, 23/04/2012 - 13:29

Sommergiamo Monti di lettere,e-mail ,telegrammi ecc.Il genio delle tasse capirà che prima si chiudono i rubinetti degli sprechi:partiti,burocrazia,enti inutili,privilegi,)pensioni d'oro,megastipendi a dirigenti di stato (figli,amici,parenti delle cricche di potere)DOPO si tassa e non selvaggiamente come sta facendo.I suoi amici tedeschi si sono arricchiti sullafame degli altri.E'ora di cambiare!