Mediaset porta in aula Vivendi: "Danni per almeno 1,5 miliardi"

La società di Cologno Monzese ha depositato l'atto di citazione in giudizio contro Vivendi dopo il passo indietro per l'acquisizione di Mediaset Premium

Mediaset ha depositato oggi l'atto di citazione contro Vivendi dopo il passo indietro dell'azienda francese per l'acquisizione di Mediaset Premium.

La società di Cologno Monzese ha chiesto in particolare l'esecuzione del contratto e un risarcimento per 50 milioni di euro per ogni mese di ritardo nell'adempimento da parte di Vivendi del contratto siglato lo scorso 8 aprile a partire dal 25 luglio scorso, dal momento che calcola un danno non inferiore a un miliardo e mezzo per la risoluzione del contratto.

"Per chiarezza si specifica che l'atto di citazione non riguarda il grave danno complessivo che la risoluzione del contratto non onorato comporterebbe ma l'obbligo di esecuzione del contratto stesso", precisa ora Mediaset, "Il risarcimento richiesto è quindi relativo unicamente al ritardo già fin qui accumulato e ad eventuali ulteriori ritardi prodotti da fantasiose e dilatorie proposte di accordi diversi dal contratto in essere".

Mediaset definisce inoltre "fantasiose" e "dilatorie" l'ipotesi di eventuali nuove proposte da parte di Vivendi di accordi su Premium diversi dal contratto siglato lo scorso 8 aprile. L’intesa riguardava lo scambio azionario del 3,5% del capitale delle capogruppo Mediaset e Vivendi nonché la vendita del 100% di Premium ai francesi. In questi giorni, indiscrezioni sostenevano che il gruppo francese è al lavoro per presentare un’offerta alternativa a quella esistente.

Commenti
Ritratto di gianniverde

gianniverde

Ven, 19/08/2016 - 18:54

Facciamoci rispettare con ragione.

Ritratto di bonoitalianoma

bonoitalianoma

Ven, 19/08/2016 - 20:24

Speriamo che ai francesi non venga di deridere gli italiani come quella volta al convegno fra SarMerk.

Stefano Matera

Ven, 19/08/2016 - 20:50

forza Mediaset fai fallire vivendi!!!!!!

paolonardi

Ven, 19/08/2016 - 21:06

Mediaset avra' torto. E' di Berlusconi e quindi la magistratura rossa gli sara' tutta contro e gli fara' pagare le spese processuali. Al danno la beffa come e' norma nella malagiustizia italiana per ordine di Napolitano, Renzi e Comagmi.

releone13

Ven, 19/08/2016 - 21:14

Ovviamente i francesi hanno sentito la.puzza di marcio di premium e si sono tirati indietro.........ci mancherebbe altro!!!!!

Gius1

Ven, 19/08/2016 - 21:45

la solita francia che vuole prenderci in giro

Iacobellig

Ven, 19/08/2016 - 21:46

FINO IN FONDO, QUESTI FRANCESI VADANO A FARE I FURBI ALTROVE. RISARCIMENTO DANNI CHE DOVRÀ PIEGARE LORO LA SCHIENA.

blackindustry

Ven, 19/08/2016 - 23:07

Francesi: certamente non ti puoi fidare mai di loro.

lavieenrose

Sab, 20/08/2016 - 00:00

Mamma mia che coraggio! Dopo il caso De Benedetti si fidano ancora della giustizia italiana. O sono degli eroi che nonostante tutto credono ancora in questo dannatissimo Paese o sono dei perfetti imbecilli (cosa che non credo).

vince50_19

Sab, 20/08/2016 - 06:51

Con tutto il rispetto per Piersilvio B. e Fedele C. dico sommessamente: non ho ben compreso chi ve l'ha fatto fare a instaurare accordi commerciali con uno dei "segugi" dei Rothschild.. La possibilissima fregatura con quel genere di personaggi è sempre dietro l'angolo.

xgerico

Sab, 20/08/2016 - 08:24

1,5 miliardi di danni? Ma se non li vale tutto il gruppo!