Mediolanum premia i soci Su gli impieghi

Il cda di Banca Mediolanum ha deciso di distribuire un acconto sul dividendo di 0,2 euro per azione, al lordo delle eventuali ritenute di legge, a partire dal 21 novembre (con stacco cedola il 19). La decisione è stata presa ieri dal board che ha approvato la trimestrale del gruppo guidato da Massimo Doris. A fine settembre gli impieghi alla clientela retail hanno raggiunto 8 miliardi, in crescita del 13% rispetto al 30 settembre 2017 e del 9% rispetto al 31 dicembre. I primi nove mesi del 2018 sono stati archiviati con un utile netto consolidato di 272,1 milioni, appena al di sotto dei risultati dell'anno scorso (-2,5% rispetto ai 279,1 milioni dello stesso periodo 2017). In una nota viene però ricordato che i numeri del 2017 «erano stati influenzati da diversi e significativi eventi straordinari, come la vendita di Banca Esperia, nonchè da mercati finanziari che avevano condizionato positivamente i titoli valutati a fair value». Il totale delle masse gestite e amministrate si è attestato a 77 miliardi, in aumento del 5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, e del 2% rispetto al 31 dicembre 2017.

Nonostante l'incertezza della situazione politica italiana e la volatilità della Borsa, Massimo Doris è positivo sulla raccolta di fine anno: «Per gli ultimi due mesi del 2018 mi aspetto che la raccolta proceda a passo più sostenuto, soprattutto a dicembre, quando in genere beneficia dell'effetto delle tredicesime e dell'intensificarsi dell'attività con l'approssimarsi della fine dell'anno. Anche le reti dei promotori cercano di raggiungere determinati target».