Mercati che fare

Attenzione, i risparmi degli italiani sono a rischio. Mai come in questo periodo storico. Perché? A causa dell'impossibilità di remunerare i risparmi, a differenza di qualche anno fa, quando «mamma Stato» emetteva titoli con rendimenti che, in alcuni casi, sono stati anche a doppia cifra.

Oggi invece chi sceglierebbe di acquistare ancora Bot, Btp o Cct? La confusione è tanta, troppa per non creare spazio a spiacevoli sorprese. Qualcuno torna a fare corse all'oro, altri acquistano certificati che hanno i brillanti come base d'investimento. Cos'altro?

Sappiamo tutti davvero cosa vuol dire confrontarsi con un mondo di tassi negativi? Difficile dirlo, neanche i libri di economia trattano l'argomento. Semplicemente non è previsto il segno meno davanti ad un rendimento. Se c'è il segno meno non si può parlare più di rendimento, ma di costo. Quindi cominciamo a chiamare le cose con il nome giusto: comprare titoli di Stato costa, così come costa tenere i soldi in conto corrente. Dalla Germania sono arrivate le prime indicazioni di banche che applicano costi annuali per i capitali depositati in conto e che superano i 100mila euro. Sarà così anche in Italia? Questa è la vera rivoluzione che sta confondendo il mondo del risparmio.

Questa è l'epoca dell'incertezza, la fine del mondo delle garanzie: lavoro, pensione, accessi alle università, garanzia di giustizia. E ora non c'è più neanche la certezza di remunerare i risparmi.

Il rischio? Il rischio è che pur di avere rendimento si seguano chimere, nuove strade, imbonitori e Madoff (leggi truffatori) delle nuove generazioni. Così l'unica ricchezza che veramente resta agli italiani, i 4mila miliardi di risparmio privato, rischiano più che in ogni altra stagione. Attenzione quindi, attenzione, massima attenzione. Strade sicure e remunerative ce ne sono, ma bisogna saperle percorrere e per farlo ci vogliono professionisti che le conoscano bene e che lavorino per strutture finanziarie solide e affidabili. Di questo si parlerà nel corso della trasmissione «Mercati che Fare» in onda domenica alle 14.30 su TgCom24.