MERCATIVendite allo scoperto Dall'Ue stop all'Esma

L'Esma, l'Autorità europea per la supervisione dei mercati creata sulla scia della crisi finanziaria, non può vietare o bloccare le vendite allo scoperto. È la «tegola» sulla riforma del settore finanziario Ue arrivata dall'avvocatura generale della Corte di giustizia europea. Secondo questa conclusione, il potere chiave assegnato da Parlamento e Consiglio Ue all'Esma va al di là delle competenze in materia di armonizzazione del mercato interno su cui si basa.