Mussari dall'auto blu alla linea «gialla»

Per qualcuno sono passati i tempi delle auto blu, e sono tornati quelli dei mezzi pubblici. L'ex presidente del Monte dei Paschi di Siena e dell'Abi, Giuseppe Mussari, nella sua ultima trasferta, a Milano, si è mosso serenamente sulla metropolitana, linea «gialla», nel tragitto tra il Duomo e la stazione Centrale, dove si è imbarcato su un Frecciarossa. Come il re di Norvegia a Oslo, come il cardinale Bergoglio a Buenos Aires. Ma non si tratta solo di democrazia: a Mussari sono cadute addosso le insegne del potere e forse l'autista non glielo paga più nessuno. Oppure, più semplicemente, la metropolitana permette di evitare il traffico delle ore di punta. Ma certo egli corre il rischio, in mezzo alla gente, di incontrare (oltre ai giornalisti) anche qualche infelice piccolo azionista del Monte dei Paschi di Siena.