Niente sanzioni senza il Pos: mancano i fondi per gli incentivi

Ritirato il ddl al vaglio del Senato perché manca la copertura per gli incentivi. I professinisti continueranno a non usare il Pos

Per legge il Pos deve essere usato per qualsiasi spesa superiore ai 30 euro. Chi non lo fa o peggio chi non si dota nemmeno dell'apparecchiatura necessaria, però, non incorre in alcuna sanzione. Sarà, infatti, ritirato il ddl al vaglio della commissione Finanze di Palazzo Madama. Il motivo? Non ci sono le coperture economiche necessarie a sostenerlo. Oltre a stabilire le multe per chi contravviene alla legge, il ddl prevede infatti incentivi per chi installa il Pos. Ebbene lo Stato non ha i soldi per chi è in regola.

"Dobbiamo trovare il modo di ridimensionare la portata del testo - spiega a ItaliaOggi Giovanni Bilardi, firmatario del ddl - è necessario, infatti, trovare il modo da un lato di imporre delle sanzioni per chi non si adegua, e dall'altro lato prevedere degli incentivi per chi è ligio al dovere. La ratio di fondo, infatti, è quella di mettere a disposizione dei fruitori dei servizi professionali un'opzione in più di pagamento, non di penalizzare ulteriormente i professionisti". Il ddl, che sarà presto ritirato, avrebbe previsto sanzioni fino a mille euro per i professionisti che non hanno ancora installato il Pos e, in casi estremi, la sospensione dell'attività commerciale. "Il Pos deve essere un qualcosa che va a beneficio dei fruitori dei servizi e non un onere per i professionisti - ha spiegato Gerardo Longobardi, presidente del Consiglio nazionale dell'Ordine dei commercialisti e degli esperti contabili - se la ratio con cui verrà scritto il nuovo testo sarà questa, saremo ben disposti a dare il nostro contributo. Il punto, però, è che sarebbe meglio lavorare sulla riduzione al minimo dei costi per le transazioni e sull'installazione degli apparecchi invece che su incentivi la cui portata rischia di non essere chiara".

Commenti

blackbird

Mar, 05/05/2015 - 11:14

Legge del tubo! Ci sono professionisti che di fatto lavorano solo per ditte o enti pubblici. Quando mai questi pagheranno con il POS? I lfatto è che in Italia le banche sono troppo avide! Chiedessero meno soldi per questo servizio tutti se ne doterebbero, ma con quello che chiedono sono ben pochi ad averne vantaggio/o necessità.

onurb

Mar, 05/05/2015 - 11:31

Il POS, come il registratore di cassa, non elimina la possibilità di evadere il fisco, soprattutto quando gli importi si aggirano poco al disopra dei 30 euro e consentono, dunque, il pagamento in contanti senza dover ricorrere a particolari sotterfugi, come potrebbe invece essere il caso di pagamenti per importi elevati. Voglio poi vedere l'idraulico o l'elettricista o qualsiasi altro artigiano che viene a fare un lavoretto in casa portandosi appresso il POS. Una domanda mi viene spontanea: se il POS ha la funzione di offrire alla clientela un servizio in più, perché il suo costo non viene messo in conto a chi fruisce del servizio medesimo? E se il legislatore vuole addebitare questo costo al professionista, alla stessa stregua si potrebbe proporre di metterlo in conto alle banche. In sintesi l'obbligo di dotarsi del POS è chiaramente una misura volta a beneficare le banche.

aredo

Mar, 05/05/2015 - 12:22

"professinisti"... Santo Cielo! Ma i correttori ortografici e grammaticali non li usate ? Mah!

Ritratto di mvasconi

mvasconi

Mar, 05/05/2015 - 13:24

Egregio onurb, guardi che in genere lei paga giá quel servizio (qouta annuale per carta di credito o bancomat). Nel caso non la pagasse, ringrazi (almeno per questo) la sua banca.

chiara 2

Mar, 05/05/2015 - 14:20

mvasconi....la quota annuale non è lontanamente paragonabile al FURTO che le banche fanno ai danni del commerciante, visto che ci chiedono una percentuale sul incassi!! Io lavoro e loro magnano

Ritratto di pedralb

pedralb

Mar, 05/05/2015 - 14:39

@chiara 2....parli senza cognizione di causa, te lo dice un esperto.....collegare il cervello spesso è utile ad evitare figure da imbecil....

onurb

Mar, 05/05/2015 - 15:51

mvasconi. Infatti, la ringrazio sempre. Ho il conto on-line a 0 spese.