Ora Moody’s vede nero: "Crescita debole in Italia, +0,4% il Pil nel 2019"

La crescita economica dell'Italia rimane "anemica, attorno allo 0,4%" stimato per il 2019. Lo si legge nel rapporto diffuso oggi da Moody's

L'agenzia di rating Moody's

"L'incertezza politica rimarrà alta nel 2019, e c'è un rischio di una crescita molto più debole di quanto prevediamo, con il Pil a +0,4%". Lo si legge nel rapporto diffuso oggi da Moody's sull'Italia. Previsioni, insomma, non rosee per il Belpaese e lo stato di salute della sua economia.

"Se le condizioni economiche si deteriorano, si potrebbe rafforzare l'instabilità politica, indebolendo la fiducia di investitori e consumatori. Così, le dinamiche politiche ed economiche stanno creando significativi rischi di peggioramento per l'economia italiana", si legge ancora nell’outlook stilato e dunque diramato dall'agenzia di rating newyorchese.

Quindi, a seguire:"Uno dei motivi principali per una più debole attività economica è stata il calo della domanda interna innescato da un calo della fiducia e da più stringenti condizioni finanziarie sulla scia di un aumento degli spread".

E infine: "L'economia italiana ha fatto fatica a mantenere il suo ritmo di marcia nella seconda metà dello scorso anno che ha terminato con una recessione con due trimestri consecutivi di crescita negativa". Un nuovo campanello d'allarme per il governo gialloverde.

Commenti

rokko

Gio, 28/02/2019 - 21:44

Moody's è ottimista. Per me avremo il segno meno.

Ritratto di Leonida55

Leonida55

Gio, 28/02/2019 - 21:58

Al contrario, Fino a ieri davano + 0,2 o 0 %. Quindi c'è un netto miglioramento. Non è che alal fine vengono fuori le magagne delle loro balle inventate appositamente, come al solito dei diffamatori d iprofessione comunisti? Niente sorpresa. Si sapeva già. Loro ce l'hanno nel sangue certe cose.

VittorioMar

Gio, 28/02/2019 - 22:16

...il loro algoritmo li fa' perdere Guadagni in BORSA ??..li possiamo invitare e mandarli a fare ....studi in quel paese..e ALTRI LUOGHI ??

VittorioMar

Gio, 28/02/2019 - 22:36

..e come cantava il Grande A.SORDI :VI C'HANNO MAI MANNATO A QUEL PAESE ??

Divoll

Gio, 28/02/2019 - 23:00

Le agenzie di rating sono istituzioni private che fanno gli interessi di determinate banche e gruppi di potere. Andrebbero messe fuori legge perche' tentano di influire sulle economie nazionali spaventando eventuali investitori, a seconda di come conviene ai loro "padroni".

Popi46

Ven, 01/03/2019 - 05:46

@Divoli: le agenzie di rating sono si agenzie private e per questo devono fornire dati attendibili , non dati pacchianamente propagandistici come quelli sbandierati da questo governo. Ovviamente,trattandosi di previsioni possono non essere azzeccate al 100%, ma è l’andamento che conta. A parte ciò, a lei sembra di vivere in un periodo di fiorente economia? Di quelli in cui la disoccupazione è a livelli fisiologici? In un paese con infrastrutture moderne, territorio ordinato, classi dirigenti competenti,sanità efficiente,ecc,ecc? A me proprio no

Ernestinho

Ven, 01/03/2019 - 06:50

Per forza, con tutte queste tasse! Un mio conoscente ha avuto un aumento sullo stipendio subito vanificato dal fatto che ci paga il 38% di IRPEF!

Ritratto di Maximilien1791

Maximilien1791

Ven, 01/03/2019 - 07:33

Moody's si tolga li occhiali da sole visto che la riduzione del PIL interessa anche USA, Canada, Germania, Regno Unito e Francia. Probabilemnte sarà, come dice anche la canzone di Ivan Cardia, colpa di Salvini.

rokko

Lun, 04/03/2019 - 22:42

Maximilien1791, dica la verità, lei ha bevuto? La riduzione del pil interessa solo noi, al più gli altri hanno un rallentamento della crescita, che è cosa diversa dalla decrescita. Se poi parla di Usa, Francia, ecc., vuol dire che lei spara numeri al lotto.