Pansa incassa 5,4 milioni Deleghe operative tutte a Moretti

Il consiglio di amministrazione di Finmeccanica ha accordato all'ad uscente Alessandro Pansa «un'indennità compensativa e risarcitoria» pari a 5,45 milioni «oltre alle competenze di fine rapporto e di quanto spettante in relazione ai diritti maturati nell'ambito della partecipazione ai piani di incentivazione a breve e medio-lungo termine nel corso del 2013 da erogare per cassa». Lo comunica la società. Tale attribuzione, che ieri ha sollevato qualche polemica soprattutto dalle associazioni dei consumatori, per la società «è stata determinata in linea con le disposizioni di legge e di contratto applicabili, nonché in conformità ed in coerenza con quanto indicato nella politica di remunerazione adottata da Finmeccanica con il coinvolgimento del Comitato per la Remunerazione (composto esclusivamente da Amministratori non esecutivi e a maggioranza indipendenti)». E ieri è stato il primo giorno di lavoro per il tandem Mauro Moretti, nuovo ad, e Gianni De Gennaro confermato presidente al vertice di Finmeccanica.
Nella prima riunione il cda ha attribuito le deleghe: a De Gennaro sono state confermate le attribuzioni che aveva, relative a internal audit, relazioni istituzionali e sicurezza. Tutte le altre sono passate a Moretti.
Il quale, si è appreso, resta per ora formalmente anche ad delle Ferrovie. L'assemblea delle Fs è stata infatti aggiornata in attesa delle indicazioni del Mef per la nomina del successore.di Moretti, che non ha ancora rassegnato le dimissioni.