Parte l'offerta a pagamento di canali Sky su Mediaset

Per il Biscione 70 milioni di nuovi ricavi dal 2019 E la piattaforma sarà venduta per 14 milioni

Maddalena Camera

Parte oggi un nuovo player nella tv a pagamento sul digitale terrestre. In virtù dell'accordo commerciale siglato lo scorso 30 marzo con Mediaset, Sky userà la piattaforma pay del Biscione per creare una nuova offerta dedicata al digitale terrestre. E a fine anno la piattaforma tecnologica, valutata 14 milioni, potrà essere venduta a Sky. Il ramo d'azienda oggetto della cessione riguarda la manutenzione tecnica, l'accesso condizionato, l'assistenza ai clienti e le attività commerciali ed è stata conferita nei giorni scorsi da Mediaset Premium al veicolo R2 Srl. I lavoratori interessati dal trasferimento sono circa 130 tra impiegati, quadri e dirigenti.

Quanto a Sky l'offerta comincia con sette canali con contenuti come Gomorra, Game of Thrones, X-Factor, Masterchef e, per lo sport, Champions League, Europa League, Premier League, MotoGP e F1. Al momento all'offerta potranno accedere tutti coloro che hanno una tessera abilitata alla visione di servizi a pagamento sul digitale terrestre, ovvero gli utenti di Mediaset Premium che non hanno rinnovato l'abbonamento. Il pacchetto è venduto a 19,90 euro al mese per 12 mesi, prezzo destinato a salire a 29,90. Da ieri invece sono visibili, gratuitamente, sull'offerta Sky per il satellite quattro canali di Mediaset Premium: Crime, Stories, Joi e Action. Per Mediaset l'accordo di cessione contenuti, secondo le stime di Equita si traduce in ricavi addizionali per circa 70 milioni dal 2019.

Sky diventa dunque il polo della tv a pagamento in Italia sfruttando tutte le tecnologie disponibili dall'online, anche grazie a un accordo con Open Fiber, al satellite e ora il digitale terrestre. Dall'accordo per i contenuti è escluso il calcio su cui pende il «pasticcio» dei diritti ceduti dalla Lega a MediaPro e poi revocati per mancanza della fidejussione richiesta da 1,2 miliardi. Oggi scade il termine per l'intermediario spagnolo, che in Italia voleva fare un suo canale «monopolista» per rivendere poi i diritti a tutti, per la presentazione delle garanzie. Da giovedì dovrebbero ripartire le trattative private della Lega per la rivendita dei pacchetti di Calcio che comincia il 18 agosto. Sky e Mediaset parteciperanno per il satellite e per il digitale terrestre. Ma la strada è tortuosa perchè MediaPro è pronta al ricorso.