Perché serve salvare le banche

Sono ore di affanni e di grandi apprensioni. Si cerca di trovare una soluzione alla difficile situazione di bilancio di alcune banche italiane: con Mps in prima pagina, e altri istituti costretti a vivere con il fiato sospeso. Oggi ciascuno è in grado di capire se la banca a cui ha «prestato» i suoi risparmi, sia solida o meno. Le banche vanno salvate per salvare i risparmi, i risparmiatori e la fiducia. Per questo anche operazioni dolorose vanno fatte.

Inutile recriminare sugli errori e gli orrori di manager, politici e organi di controllo: piangere sul latte versato sarebbe poca cosa rispetto alle lacrime amare nel caso in cui non si trovasse la soluzione per turare la falla che sta portando a fondo alcuni istituti. La domanda nasce spontanea: servirà? E se sì, fino a quando? É di pochi giorni fa la notizia che Facebook ha ricevuto dalla Banca Centrale Irlandese l'autorizzazione a operare con moneta elettronica, depositi e trasferimenti di denaro all'interno della Ue.

É solo un altro passo verso la trasformazione. Le colonne, le filiali, gli sportelli, non servono più. Mentre si cerca di evitare che alcuni istituti vadano a fondo, portando con sé i risparmi di chi a loro li ha affidati, il mondo fuori sta cambiando e cambia tanto rapidamente che quando quei salvataggi saranno stati realizzati saranno ormai inutili perché inutili saranno i modelli distributivi e funzionali delle banche salvate. Anacronistici, pesanti, fuori mercato, probabilmente senza mercato. É arrivato il momento di guardare in faccia la realtà. Devono farlo soprattutto i risparmiatori chiamati a scegliere se passare da una burrasca all'altra o se cominciare a navigare in acque tranquille. Scegliere e cambiare in fretta, così come in fretta sta cambiando il mondo, non rappresenta più un'opzione ma una necessità. Di questo si parlerà nel corso della trasmissione Mercati che Fare in onda sabato alle 20.30 su TgCom24.

leopoldo.gasbarro@me.com

Commenti

flip

Ven, 16/12/2016 - 11:43

Dr. Gasbagnome. Come mai sino a non tanto tempo fa le banche non "soffrivano"? Perché le banche adesso si comportano in maniera smaccatamente deliquenziale? Cos'è cambiato? è migliorato il sistema truffaldino o i manager sono emeriti imbecilli?