PIAZZA AFFARI La Consob stringe anche sui trust: «Nelle quotate solo a carte scoperte»

La Consob chiede più trasparenza sulle partecipazioni rilevanti detenute dai trust nelle società quotate e introduce «ulteriori» obblighi informativi. L'obiettivo è «migliorare la trasparenza degli assetti proprietari», spiega la Commissione guidata da Giuseppe Vegas. In base alle nuove disposizioni, i trust con una partecipazione rilevante nel capitale di una società quotata o che partecipano ad un patto parasociale dovranno comunicare a Consob anche l'identità di tutti i soggetti coinvolti nel trust, gli eventuali poteri di intervento nella gestione delle partecipazioni, le eventuali sovrapposizioni fra i soggetti coinvolti e quelli che fanno parte della catena partecipativa in capo al trust. La decisione prende spunto dai recenti casi Premafin e Bpm.