Piero Ferrari compra il 13% e sale a bordo di Ferretti-Weichai

Antonio Risolo

Piero Ferrari si dà alla nautica e, attraverso la holding di famiglia, F. Investment, entra nel gruppo Ferretti con una quota del 13,2%. Il figlio di Enzo Ferrari - assistito dallo studio Pedersoli e Associati - è l'unico azionista oltre ai cinesi di Weichai che nel 2012 avevano rilevato il gruppo di Forlì. Per la cronaca, Ferretti Riva sponsorizza da quest'anno proprio i bolidi di Vettel e Raikkonen con il marchio Riva.

Buone notizie anche da fronte finanziario: il gruppo nautico, infatti, ha chiuso il 2015 con un valore consolidato della produzione pari a 410 milioni di euro (+23% rispetto ai 334 del 2014). E per la prima volta dopo 4 esercizi, l'Ebitda è positivo a 7 milioni. Intanto il primo trimestre ha registrato un ritorno all'utile pari a circa 5 milioni di euro. «Il superamento dei traguardi fissati dal piano di sviluppo 2015 - ha detto l'ad del gruppo, Alberto Galassi - è stato possibile grazie all'implementazione delle strategie di rilancio, sviluppo e crescita presentate un anno fa dopo l'aumento di capitale di 80 milioni da parte di Weichai». Di questi, 50 sono stati destinati alla progettazione e al lancio di 27 nuovi modelli, in parallelo all'espansione commerciale all'estero.