Il Pil è in volo (+5%) Così l'America dà l'addio alla crisi

È il miglior risultato da 11 anni. Record a Wall Street E con il super dollaro l'euro va ai minimi da 28 mesi

Gli Stati Uniti sono ripartiti davvero. Il Pil del terzo trimestre è stato rivisto clamorosamente al rialzo ed è ora pari al +5%, contro il +3,9% originario, mentre la fiducia dei consumatori a dicembre segna il massimo dal 2007, a 93,6 punti. Il dato è il risultato migliore da 11 anni e segue il +4,6% registrato nel periodo aprile-giugno di quest'anno: la dimostrazione di come la ripresa americana sia «reale», come l'ha definita la settimana scorsa il presidente Barack Obama nella sua ultima conferenza dell'anno. Il contrasto con l'Europa, e soprattutto con l'Italia che arranca, stretta nella morsa del rigore, non potrebbe essere più eclatante: e Matteo Renzi coglie la palla al balzo. «I dati americani dimostrano che puntare su investimenti e crescita funziona - scrive il premier su Twitter -. Altro che austerità. Ecco perché l'Europa deve cambiare #2015 ».

Anche Wall Street mette il turbo: il Dow Jones supera quota 18.000 punti per la prima volta nella sua storia. Le Borse europee si mettono sulla scia e chiudono in rialzo, guidate da Piazza Affari (+1,46%). Ma l'euro fa le spese dell'exploit americano: il dollaro s'impenna e la moneta unica scende sotto quota 1,22, ai minimi da 28 mesi sul biglietto verde, per poi attestarsi a 1,2264 dollari.

A spingere la crescita degli Usa sono stati i consumi, aiutati dal ribasso dei prezzi petroliferi che ha dato respiro ai bilanci familiari, ma anche gli investimenti, compresa la spesa governativa per il settore della difesa, salita a livelli record. Positive anche le previsioni per il futuro: a fine 2014, il Pil americano, stando alle stime degli analisti, crescerà del 2,5%, nel 2015 la crescita è prevista al 3%. E il mercato si interroga sulle politiche future della Federal Reserve, aspettando il rialzo dei tassi nel prossimo anno: Standard & Poor's punta addirittura sul prossimo giugno.

Per gli Stati Uniti, dunque, il 2014 è stato davvero un «anno di svolta», come affermano gli economisti della Casa Bianca. Il settore privato ha creato almeno 200mila posti di lavoro per dieci mesi consecutivi, per la prima volta dal 1990. L'occupazione totale è in aumento da 50 mesi, la serie più lunga registrata: 2,65 milioni di unità in più nei primi undici mesi di quest'anno, 231mila nuovi posti di lavoro nel solo mese di novembre, il miglior risultato dal 2011. Ma «c'è ancora molto da fare per consentire a tutti gli americani di condividere la ripresa».

«Sono necessarie ulteriori riduzioni della disoccupazione di lungo termine e una più veloce crescita dei salari», afferma il presidente del consiglio degli advisor economici della Casa Bianca, Jason Fruman. E preoccupa la situazione del Vecchio Continente: «La crescita sta rallentando in molti dei nostri partner commerciali - si legge nel documento degli economisti di Obama - e questo richiede una rinnovata enfasi globale sulle politiche pro-crescita. Il Pil dell'area euro è ancora del 2% al di sotto del picco pre-crisi, incluso quasi il 10% dell'Italia rispetto al picco pre-crisi».