La procura apre il fascicolo su Rcs

Ma non ci sono indagati nè reato. Intanto Cairo sale al 50,75%

La procura di Milano ha aperto un fascicolo «modello 45» alla luce dell'esposto di Imh depositato giovedì sull'Opas di Urbano Cairo su Rcs. Si tratta di una procedura seguita per «fatti che non costituiscono notizia di reato» ma che hanno bisogno di approfondimenti. Il procuratore di Milano, Francesco Greco, ha affidato il fascicolo ai pm Mauro Clerici, Stefano Civardi e Giordano Baggio, i quali dovranno stilare una relazione per lo stesso procuratore capo, alla luce della quale si deciderà come e se procedere poiché, appunto, il «modello 45» non prevede ipotesi di reato e indagati. La cordata formata da Andrea Bonomi, Pirelli, Mediobanca, Diego Della Valle e UnipolSai, ha presentato, la scorsa settimana, un esposto alla Consob, chiedendo alla Commissione di valutare la regolarità dell'Opas di Cairo Communication, che ha vinto sul mercato. Copia dello stesso esposto è stato depositata dall'avvocato penalista di Imh in procura a Milano e da qui l'apertura di un fascicolo «modello 45».

Nel frattempo, la marcia del patron de La7 verso via Solferino va avanti. Con la sua Opas aveva raccolto dal mercato il 48,8% delle azioni Rcs ma ieri ha raggiunto il 50,75% del capitale (3.251.769 azioni) nel secondo giorno a disposizione per chi, avendo aderito all'Opa sconfitta della Imh, decida di trasferire le azioni all'Opas dell'editore de La7. Il primo giorno, venerdì scorso, si era chiuso con Cairo al 50,13 per cento. Le migrazioni saranno possibili fino al 28 luglio.

A Piazza Affari il titolo Rcs ha chiuso la seduta di ieri in calo dell'1,4% a 0,88 euro mentre Cairo Communication ha lasciato sul terreno l'1,8% a 4 euro.