Quindici grandi città italiane in deflazione ad agosto

Abbassamento generale dei prezzi in molti grandi centri urbani. Per le associazioni dei consumatori è la riprova dello stato dell'economia

A quanto emerge da una rilevazione Istat sui prezzi al consumo ad agosto, sono quindici le grandi città italiane che nell'ottavo mese dell'anno sono in deflazione. Tra queste ben undici sono capoluoghi di regione.

Un'inflazione annua negativa si rileva a Potenza (-0,1%), Roma (-0,2%), Perugia (-0,2%), Bologna (-0,2%), Genova (-0,2%), Bari (-0,3%), Firenze (-0,3%), Trieste (-0,3%), Milano (-0,3%), Torino (-0,6%) e Venezia (-0,8%). Ma anche in altre grandi città: Verona, che registra una flessione su base annua dei prezzi dello 0,7%, Livorno, che segna -0,5%, Reggio Emilia e a Padova (per entrambe -0,1%).

La notizia dell'abbassamento generale dei prezzi, lo fa notare il presidente di Adiconsum, Pietro Giordano, "è tutt'altro che buona". Anzi, la deflazione assume una prospettiva "drammatica" ed è la riprova del "grave stato in cui versa l'economia del Paese".

L'associazione che tutela i consumatori sottolinea anche che "il bonus degli 80 euro, senza la sua stabilizzazione e la sua estensione anche alle famiglie incapienti ed ai pensionati non potrà mai avere alcun effetto significativo sui consumi".

Commenti

linoalo1

Ven, 12/09/2014 - 17:42

Più che dello stato dell'economia,mi sembra la riprova di come sappiano governare i Comunisti! Napolitano con i suoi 3(tre) Colpi di Stato:Monti,Letta e Renzi,ha rovinato l'Italia!Perchè nessuno lo ferma?O forse,come qualcuno ha paventato,fa anche lui parte di un disegno molto più ampio?Lino.