Rcs, parte la guerra all'ad Scott Jovane


Nuova ondata di vendite su Rcs ieri Piazza Affari: il titolo ha ceduto il 4,52% finale a 2,96 euro, portando a quasi il 40% il calo delle ultime otto sedute. Oggi è previsto un incontro tra le banche del consorzio per l'aumento di capitale e domani si svolgerà il cda che fisserà il prezzo: lo sconto potrebbe essere inferiore al 50% sinora previsto. Intanto, ritornano le periodiche indiscrezioni su un avvicendamento dell'ad Pietro Scott Jovane. Secondo EconomiaWeb.it, al termine dell'aumento la posizione del manager potrebbe essere rivista contestualmente alla rivisitazione del piano industriale da parte del patto. Per la sostituzione si penserebbe a Giuseppe Cerbone (Ansa) o a Gianni Vallardi (ex Rcs e Mondadori). L'azionariato tende a smentire, anche perché l'ad si è impegnato in prima persona nell'aumento. Ma in Via Solferino i veleni sono sempre di casa.