Rcs, «patto da riscrivere» Il 7 ottobre vertice decisivo

Cernobbio«Abbiamo bisogno della coesione di tutti gli azionisti. Stiamo portando avanti un piano industriale complesso che passa, oltre che da efficienze e sinergie, anche dalla trasformazione del gruppo verso un modello digitale. Di fatto, Rcs è come se fosse una start up pur con tutto il suo bagaglio di storia e tradizione». Lo ha affermato, ieri a Cernobbio, l'ad Pietro Scott Jovane. Il manager si è detto fiducioso, soprattutto dopo che Francesco Merloni, azionista del gruppo editoriale con lo 0,5% del capitale, ha osservato che «rispetto alle polemiche seguite alla maxi ricapitalizzazione da 421 milioni, il clima si è molto rasserenato anche tra pattisti e non pattisti». Nel frattempo, si stanno avvicinando alcune date cruciali per il gruppo del Corriere della Sera. A iniziare dalla scadenza del patto di sindacato che lega l'élite di Piazza Affari nella società di Via Solferino. Entro il 31 ottobre vanno inviate le disdette e le novità potrebbero non mancare dopo l'ascesa di Fiat al 20,5% del capitale. «Il patto va rivisto, forse ristretto - ha precisato ancora Merloni - alcune novità potrebbero già emergere il 7 ottobre quando è in programma una riunione del patto di sindacato».
Seguiranno poi anche incontri con i soci che sono fuori. «È prevista una riunione in cui Diego Della Valle (8,99% del capitale) potrà dire la sua», ha concluso Merloni. Al di là delle attese novità sulla vicenda che si incrocia con altre partite importanti come la scadenza del patto di Mediobanca (azionista di Rcs) che vuole uscire anche da Telco (a cui fa capo la quota di riferimento di Telecom, che raggruppa alcuni soci storici dello stesso gruppo editoriale), la sfida per Rcs è anche dal punto di vista industriale. Non c'è dubbio, infatti, che l'editoria sia alle prese con un'importante metaformosi con il passaggio al digitale che proprio Scott Jovane, ex manager di Microsoft, è stato chiamato a guidare. «Ci concentreremo sempre di più sui contenuti - ha ribadito l'ad -; siamo anche aperti a partnership ed è lunga la lista di quelli con cui stiamo parlando». Il manager ha altresì ribadito che Rcs non ha avuto alcun impatto negativo sulle vendite dopo l'aumento del prezzo dei giornali. Quanto alla cessione dell'immobile di via San Marco, «avverrà entro l'anno. Gli advisor stanno esaminando la proposta di Blackstone».