Il redditometro entra pure nella dichiarazione dei redditi

L'Agenzia delle Entrate ha stabilito che lo strumento di controllo entrerà a far parte del 730

Il Fisco non smette di spiarci. Anzi, potenzia le sua armi. L'Agenzia delle Entrate ha infatti stabilito che il redditometro entrerà a far parte del modello 730 per la dichiarazione dei redditi. In base a quanto scritto da Qui Finanza, "l'informativa sul trattamento dei dati personali ricorda che il nuovo redditometro, che ricostruisce l'effettiva capacità contributiva in base alle spese sostenute nell'anno, si applica a partire dal periodo d'imposta 2009, e cioè vale per le dichiarazioni dei redditi presentate nel 2010, e per l’attività accertativa saranno utilizzati i dati personali presenti in Anagrafe Tributaria e ottenuti tramite scambi di informazioni con altre autorità pubbliche e soggetti privati conformemente alla legge". Il tutto avverrà senza che ci sia l'obbligo di consenso degli interessati. Per ciò che concerne le modalità di controllo, l'Agenzia delle Entrate ha spiegato che si "procede alla ricostruzione del reddito di ciascun contribuente, mettendo a confronto il reddito dichiarato con le spese certe effettuate nell'anno (acquisti di beni immobili, di mezzi di trasporto e altre spese per beni e servizi) o ricavate dagli elementi certi (per esempio possesso di beni quali gli immobili, gli autoveicoli, le imbarcazioni, gli aerei, i cavalli)". Escono dal redditometro le medie Istat.
Commenti

denteavvelenato

Sab, 18/01/2014 - 10:37

Paura è?

torodamonta

Sab, 18/01/2014 - 11:16

signor attilio befera mi faccia vedere il suo redditometro quello dei suoi figli e quello di sua moglie.Glielo dice un suo datore di lavoro.Questo vale anche per letta.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 18/01/2014 - 14:12

comprerò esclusivamente in nero, in contanti senza scontrino o ricevuta che non posso scaricare dalle tasse come persona fisica. Tanto siamo tutti evasori fino a prova contraria e dovrete pagare il 50% do quello che vi contestano in caso di ricorso al tribunale Tributario, ma che bella democrazia che avete votato, calpesta i + elementari DIRITTI DELL'UOMO. Poveri babbei e schiavi felici

Ritratto di mark 61

mark 61

Sab, 18/01/2014 - 14:33

REDDITOMETRO se serve per recuperare alcuni dei tanti milioni di euro di tasse non pagate dai soliti furbetti ben venga !! visto che tanti pagano fino all’ultimo CENT

Ritratto di semovente

semovente

Sab, 18/01/2014 - 16:21

L'idrovora fiscale farà sentire i sui effetti sempre sui soliti fessi già dissanguati e che non riusciranno nemmeno a raggiungere il più vicino ufficio dell'agenzia sucante.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Sab, 18/01/2014 - 16:29

@ mark 61 magari come te che da dipendente pubblico fai il doppio lavoro in nero e compri la carta igienica con i buoni pasto, e se cadi ammalato lo stipendio te lo danno lo stesso, prova a fare imprenditoria o libera professione prima di scrivere sciocchezze, anche tu sei un evasore fino a prova contraria

Ritratto di gianniverde

gianniverde

Sab, 18/01/2014 - 17:26

mark 61 io credo invece che il redditometro serva a stangare i piccoli perché i grossi sono sempre congrui.

marcello. marilli

Sab, 18/01/2014 - 17:38

mi può anche star bene la lotta all'evasione, anzi spero incrementi i controlli, ma poi vorrei anche sapere dove vanno a finire i soldi che ci tolgono. spero anche che non servano a mantenere enti inutili , lsu, partecipate con consigli di amministrazione pletorici , finanziamento ai partiti ecc ecc , ci siamo capiti vero ? poi ci aggiungiamo le province , il senato così saremo felici finalmente

Ritratto di Antonosofiro

Antonosofiro

Sab, 18/01/2014 - 17:44

Ho una soluzione eccellente al problema dell'evasione. Tutti i lavoratori dipendenti hanno lo stipendio trattenuto da un agenzia (una sorta di CassaDepositi e Prestiti). ad ogni acquisto effettuato in modalita elettronica l'importo viene decurtato dallo stipendio. Ovviamente non si puo andare in rosso, non si possono rateizzare ... e magari potrebe essere politicamente corretto consentire soltanto alcune tipologie di acquisti "etiche". Simultaneamente verrebbe ripristinato lo ius primae noctis e la schiavitu (quest ultima per avere forza lavoro a bassissimo costo (la sola sopravvivenza dell'ilota) e quindi essere piu competitivi a livello internazionale. Qualora i membri governativi fossero interessati a sviluppare questa prospettiva mi rendo disponibile per uno stipendio annuo di 175'000 euro piu indennita, auto, polizze sanitarie per me e parenti fino al 3' grado, e magari qualche immobile vista Foro Romano, ma solo se comprata a mia insaputa.

Franco60 Ferrara

Sab, 18/01/2014 - 17:55

Cari concittadini, io mi rifiuto categoricamente di farmi controllare dallo stato quello che faccio e non faccio, non sono un delinquente, dunque se hanno qualcosa da contestarmi(eventualmente ) che vengano a trovarmi, ma attenzione fuori dal cancello c'è la legge dello stato, dentro il cancello c'è la mia legge, attenzione!!!!, perche mi sono rotto di subire.

gigetto50

Sab, 18/01/2014 - 18:32

...negli anni settanta, da qualche parte nei moduli della dichiarazione dei redditi, c'era una sezione dedicata all'elencazione dei beni posseduti quali auto (targa ed anche modello se non ricordo male), cavalli etc. Quindi niente di nuovo, secondo me.

vince50_19

Sab, 18/01/2014 - 18:35

Tutto questo rigore non sfiorerà minimamente i grandi poli industriali, assicurativi, bancari, multinazionali, società con reddito da capitale, la criminalità organizzata, doppiolavoristi in nero e compagnia evadente. Solita guerra a chi, al momento, sopravvive.. Una raccolta di briciole per vendere fumo, mentre il "grosso" passa tranquillamente sotto gli occhi di chi dovrebbe controllare e bloccare, ma che no ha mezzi per farlo con le regole attuali. Politici farlocchi al servizio della grande finanza internazionale, quella che evade "per legge"..

Dany

Sab, 18/01/2014 - 19:07

Ma è logico che in Italia un qualsivoglia burocrate o , come nel caso, un ente burocratico quando si sveglia emana leggi regolamenti ?

killkoms

Sab, 18/01/2014 - 19:10

@mark61,in inghilterra ti chiamerebbero"the cock brother"!il redditometro affosserà solo i consumi,senza nulla incassare!

cast49

Sab, 18/01/2014 - 19:20

torodamonta, anche quello della sua amante...

francolam

Sab, 18/01/2014 - 19:35

ma i primi evasori sono proprio i dipendenti pubblici che con il doppio lavoro che soltanto loro, avendo troppo tempo a disposizione, possono praticare ,alimentano il circuito del nero. quindi, oltre che evasori e generalmente improduttivi danneggiano due volte il paese. L'italia si salvera' soltanto quando tre quarti dei lazzaroni pubblici verranno mandati a casa.

roberto zanella

Sab, 18/01/2014 - 21:06

il problema è che con questa gente che fa i controlli noi tutti siamo evasori tranne loro,già i modi polizieschi e bizantini di questi signori tutti con accento non comprensibile che non so come neppure pronunciano "evasione delle tasse" con cravatta e gemelli,lascaino a desiderare.Perchè iniziano con i 730 e finiscono su quanti preservativi consumi a casa,o quante bottiglie di olio extravergine usi in cucina...e allora va preso il randello...perchè questi non si fermano in modo anglosassone,questi Mandarini del Fisco vengono a rompere poi non sono in grado di entrare a Forcella....

belmonte

Sab, 18/01/2014 - 23:37

Prevedo un nuovo affare: la vendita, con sovrapprezzo, di denaro contante a cittadini e imprese che vogliono sfuggire ai controlli di Befera e associati.

Walter68

Dom, 19/01/2014 - 00:56

x Dragon_Lord. Non ci sono giustificazioni per chi evade, sono ladri senza se e senza ma. Ho vissuto negli Usa per un pò e le garantisco che a nessuno verrebbe mai in mente di criticare il fisco. Il problema del ns paese e la mancanza di pene severe per chi evade, ci vuole il carcere. Purtroppo le leggi emanate negli ultimi 20 anni salvaguardano chi evade, chi truffa, chi falsifica i bilanci... alla faccia di noi pochi e poveri onesti. Saluti

killkoms

Dom, 19/01/2014 - 12:44

@walter68,io non giustifivco gli evasori,ma tiu le aliquote fiscali Usa le hai sicuramente viste!qui si impicca l'artigiano,o il piccolo imprenditore per una kazzata e poi si tollerano i magheggi dei grandi gruppi,che tra fusioni, riorganizzazioni e cambi societari ogni anno zottano soldi al fisco!