Riforma pensioni, servirà accordo con l'azienda

Lo schema, etichettato come "minisconto" potrebbe essere allargato consentendo alle aziende di favorire pensionamenti anticipati all’interno di processi di ristrutturazione che potrebbero prevedere anche l’ingresso di giovani (staffetta generazionale)

Il passaggio chiave sulla riforma delle pensioni riguarda un accordo che il governo sta cercando col mondo delle aziende. La priorità, ovviamente, come ricorda il Corriere, sono i dipendenti anziani, per esempio con più di 62 o 63 anni (si tenga conto che dal prossimo gennaio l’età per accedere alla pensione di vecchiaia sale a 66 anni e 7 mesi) che perso il lavoro non riescano a trovarne un altro. A loro potrebbe essere data la possibilità di accedere a un pensionamento anticipato con l’importo della pensione più basso perché ricalcolato alla luce del fatto che verrebbe pagato per più anni.

Ci si perderebbe in media il 3-3,5% per ogni anno di anticipo. Questo schema, etichettato come "minisconto" potrebbe essere allargato consentendo alle aziende di favorire pensionamenti anticipati all’interno di processi di ristrutturazione che potrebbero prevedere anche l’ingresso di giovani (staffetta generazionale), a patto che la stessa azienda si accolli parte del costo di questi prepensionamenti, magari versando, come propone l’ex ministro del Lavoro Maurizio Sacconi, contributi esentasse per il raggiungimento della pensione. Sul tavolo, dicono ancora i tecnici, c’è anche l’ipotesi del "prestito pensionistico" o "assegno di solidarietà", altra forma per consentire le uscite anticipate a un costo basso per il bilancio pubblico. Delle coperture, comunque, andranno previste. E sta qui la difficoltà del provvedimento da mettere a punto, con le risorse da indicare nella legge di Stabilità che il governo presenterà entro il 15 ottobre.

Commenti

unosolo

Mar, 22/09/2015 - 15:18

il governo anticipando la possibilità di anticipare il pensionamento mette in crisi le aziende , lo sanno sia i politici che imprenditori o comunque chi ha dipendenti in quanto accantona i soldi del TFR e quei soldi fanno figurare un certo capitale che permette alle aziende o datori di lavoro di avere credito senza di quelli e i ritardi di pagamenti da parte dello Stato si rischia il fallimento . un tasto delicato senza operai mancherebbero soldi per pagare le pensioni e questo governo non fa nulla per incrementare la produzione che porta il PIL , anzi ,,,,,,,,,, meglio sperare nel buon senso delle persone visto che il governo vuole solo e subito i soldi del TFR ( IRPEF ovviamente )