Il rilancio di Termini passa anche da Rio


Ci sarà anche una banca brasiliana, il Banco Brj di Rio de Janeiro, tra i soci di Grifa, la società guidata da Augusto Forenza che intende rilevare l'ex stabilimento Fiat di Termini Imerese, alle porte di Palermo, per produrre mini-car ibride ed elettriche a basso costo. Nel nuovo cda del gruppo, il cui riassetto è previsto in queste settimane, siederà anche un rappresentante dell'istituto carioca, che finanzierà l'operazione attraverso un proprio fondo d'investimento. Il piano di Grifa – che coinvolge anche due ex dirigenti di Fiat – prevede la produzione a regime di circa 30mila automobili l'anno da immettere nel mercato italiano, con l'assorbimento di almeno 400 dei 680 operai in cassa integrazione. Nessuna garanzia, invece, è stata data per i lavoratori dell'indotto. Nuovo tavolo al ministero dello Sviluppo il 23 luglio.