Russia, l'arredo made in Italy spinto dalla ripresa immobiliare

I Saloni WorldWide Moscow hanno chiuso con un aumento del 9,3% di operatori e buyer. Claudio Luti: "Edizione molto positiva che ha segnato un evidente cambio di passo.

Presenze a quota 32.490, ma soprattutto forte aumento degli operati, 18.269 il 9,3% in più rispetto al 2016: l'edizione numero tredici dei Saloni WorldWide Moscow che si è conclusa sabato scorso al quartiere espositivo Crocus Expo di Mosca, si è riconfermato come l'evento più importante per l'arredo e il complemento di qualità e di design della Russia e dell'area Csi.

Edizione positiva, che ha segnato un'accelerazione confermata dai tanti incontri business to business fra aziende e buyer. Si respira aria di ripresa, a partire dal mercato immobiliare che ha rimesso in moto gli acquisti di mobili e complementi d'arredo da parte di privati e contractor, segnale atteso per per le nostre aziende visto che l'Italia è al secondo posto, dopo la Cina e prima della Germania, per forniture di arredamento in Russia (oltre 453 milioni di euro nel 2016).

Come spiega Claudio Luti, presidente del Salone del Mobile, “abbiamo chiuso questa edizione dei Saloni WorldWide Moscow con grande soddisfazione e voglia di dare seguito agli interessanti contatti che si sono attivati nei quattro giorni della manifestazione”. "È stata un’edizione molto positiva che ha segnato un evidente cambio di passo sia in termini di qualità sia in termini numerici: importante, infatti, è stata l’affluenza di operatori specializzati, architetti e rivenditori non solo da Mosca ma da tutte le Regioni - aggiunge -. Di grande competenza e professionalità i profili dei visitatori che hanno affollato i due padiglioni della fiera e che hanno creato occasioni di scambio commerciale con gli espositori. Ora si tratta di capitalizzare quest’opportunità e lavorando per accrescerne ancora di più il prestigio portando a Mosca il meglio del design che il Salone del Mobile sa rappresentare a Milano e coinvolgendo il maggior numero possibile di marchi di gamma alta. Lavoreremo da subito lavoreremo per rendere questo appuntamento ancora più attrattivo e reale opportunità di business per le aziende che espongono”.

Un ruolo importante è stato svolto da Ice, l'agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane che ha dato ospitalità a 120 operatori del settore, selezionati da 24 Regioni della Federazione Russa e dalla Bielorussia, Armenia, Georgia, Azerbaijan, Kazakhistan, Uzbekistan e Turkmenistan che hanno parteciperannto a un fitto programma di incontri b2b.

Il SaloneSatellite WorldWide Moscow ha coinvolto 37 giovani designer russi e delle ex Repubbliche sovietiche. I talenti premiati sono stati invitati alla prossima edizione del SaloneSatellite che si terrà nell’ambito del Salone del Mobile.Milano dal 17 al 22 aprile 2018. Appassionanti e affollate anche le tre Master Classes, con gli approfondimenti e confronti sui temi del progetto a cui hanno partecipato grandi nomi dell’architettura e del design italiano – Simone Ciarmoli e Miguel Queda, Massimo Iosa Ghini, Cristina Celestino –, e il Work Talk presentato da Diana Balashova, affermata interior designer russa.