Saipem, anche la Techint indagata per le tangenti in Brasile

Le due società accusate di corruzione internazionale per una commessa assegnata nel 2011

Operai Saipem al lavoro

Anche la multinazionale Techint è indagata nell’inchiesta della procura di Milano sulle presunte tangenti che Saipem avrebbe pagato all'estero.

Al centro dell'inchiesta ci sarebbe una presunta corruzione internazionale e la società brasiliana Petrobras. Techint è stata perquisita a metà agosto in contemporanea con le perquisizioni negli uffici Saipem. Entrambe le società hanno ricevuto un'informazione di garanzia.

Lo scorso 13 agosto, Saipem aveva comunicato con una nota di aver ricevuto un’informazione di garanzia e una richiesta di documentazione nell’ambito della nuova inchiesta dei pm di Milano Fabio De Pasquale e Isidoro Palma per il presunto reato di corruzione internazionale, in relazione ad un contratto assegnato nel 2011 dalla società brasiliana Petrobras a Saipem SA (Francia) e Saipem do Brasil (Brasile). Secondo quanto riportato da indiscrezioni di stampa, come era stato spiegato, "tale contratto è oggetto da parte delle autorità giudiziarie del Brasile di indagini nei confronti di alcuni cittadini brasiliani tra i quali anche un ex collaboratore di Saipem do Brasil". Petrobras, infatti, è dal 2014 al centro di una maxi inchiesta brasiliana, denominata Lava jato (autolavaggio), che ha ad oggetto ipotesi di corruzione in cambio di appalti miliardari e pagamento di tangenti a politici locali. A fine luglio scorso, gli investigatori brasiliani hanno ipotizzato il pagamento di tangenti anche da parte di intermediari di Saipem per assicurasi dei contratti con Petrobras. Tra le cinque persone accusate di corruzione e riciclaggio dalle autorità brasiliane figurano l’ex rappresentante di Saipem in Brasile, Joao Antonio Bernardi Filho, e il precedente capo dell’engineering di Petrobras, Renato Duque (finito in carcere).

Commenti
Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Lun, 07/09/2015 - 18:45

Vi dico io cosa succederà dopo le indagini di certi magistrati incompetenti: la società italiana inquisita verrà messa da parte sul mercato, e gli stranieri che saranno piu furbi e pagheranno comunque tangenti per favorire i propri scambi commerciali a favore del loro governo di provenienza! Poi verranno da noi a proporci gli stessi prodotti che voleva acquistare la società italiana, e se li vorremmo, dovremo pagare molto piu di quanto potremmo permetterci! Complimemti alla magistratura ottusa e comunista.... ah, ringraziamo anche il nostro fifone mattarella, uno che fa la voce grossa con i deboli, e debole con i prepotenti!

mariod6

Mer, 09/09/2015 - 13:59

Egregio Mortimermouse, Riva-Taranto docet; alcuni milioni di tonnellate di acciaio sono mancate sul mercato internazionale e tedeschi e francesi ci sono saltati dentro come mosche sul miele. Chissà com'é !!!