Salario minimo per chi è senza contratto

I 7 euro all'ora vanno considerati netti ma non del tutto. Su quella cifra si dovranno pagare le tasse

Matteo Renzi ora vuole fissare il salario minimo per tutti i lavoratori. La somma non è stata ancora decisa. I tecnici del ministero del Lavoro la stanno mettendo a punto. Ma, stando a quanto anticipato dal Corriere della Sera, dovrebbe aggirarsiintorno ai 7 euro all'ora. Il provvedimento rientrerà nei prossimi decreti attuativi del Jobs act.

L’Italia è uno dei pochi Paesi dell'Eurozona a non aver ancora fissato il salario minimo. Anche la Germania, che non lo aveva mai calcolato, lo scorso anno ha deciso per legge che non si può scendere sotto gli 8 euro e 50 centesimi. Da Palazzo Chigi assicurano che nel giro di qualche settimana arriverà sul tavolo del Consiglio dei ministri il decreto che riscrive le regole sul collocamento. Tra le varie misure c'è appunto l'ipotesi di fissare un minimo per legge che riguarderà tutti quei settori che non sono già regolamentati da un contratto nazionale. Il salario minimo, che non va assolutamente confuso con il reddito minimo, serve a fissare la soglia al di sotto della quale il datore di lavoro non può pagare un dipendente.

I 7 euro all'ora vanno considerati netti ma non del tutto. Come spiega il Corriere della Sera, infatti, "su quella somma non bisognerebbe pagare i contributi Inps e Inail ma si potrebbero pagare le tasse a patto di superare il tetto degli 8mila euro l’anno, uscendo dalla no tax area". Adesso non resta da vedere come reagiranno i sindacati.

Commenti

glasnost

Mer, 11/03/2015 - 09:04

Io sarei anche d'accordo, ma penso che nella situazione attuale delle aziende, non potrà altro che aumentare le chiusure, la disoccupazione o il ricorso al nero. Comunque auguri!

Ritratto di do-ut-des

do-ut-des

Mer, 11/03/2015 - 09:10

ridurre le ore mensili di lavoro e gli straordinari ridotti a 1000 per ogni azienda, lasciando la libertà di farlo fare solo ai più disagiati ove è possibile. Solo così si libereranno i posti di lavoro e le famiglie con più problemi economici possono tirare avanti. Tutto questo riducendo le tasse per contributi per la cassa integrazione e disoccupazione.

Agostinob

Mer, 11/03/2015 - 09:44

La cultura italiana non è uguale a quella di altri paesi ed è inutile continuare a voler ragionare negli stessi termini. Ammettiamo che esista un datore di lavoro ed un lavoratore. Per mille motivi, datore e lavoratore si sono accordati per una cifra (che è inferiore ai 7 euro/ora). Vuol dire che, in ogni caso, sta bene ad entrambi. Al primo per tenere bassi i costi ed al secondo per mantenere il lavoro e portare a casa qualcosa. Se manca questo equilibrio, si avrà che datore e lavoratore si accorderanno per pagare/ricevere soldi in nero, salvaguardando entrambi. Avremo così una bella legge di facciata ed un aumento del nero che, in quanto tale, non si vedrà e quindi non darà fastidio ai calcoli ed alle statistiche ufficiali.

Rainulfo

Mer, 11/03/2015 - 09:49

allora sono 1100 € mensili. mi licenzio, li prendo e faccio qualche lavoretto al nero...... questo è quello che molti penseranno di fare.... e chi come me lavora e sfacchina li dovrà mantenere... bello no?

levy

Mer, 11/03/2015 - 10:35

Chiunque sappia qualcosa di economia sa' che fissare per legge il prezzo di un prodotto o servizio è tempo perso, se fosse una cosa che funziona si potrebbe fissare un salario minimo per tutti e nessuno dovrebbe più lavorare, ma è evidentemente una fesseria che farebbe lievitare il debito pubblico fino alla bancarotta. La politica deve creare le condizioni favorevoli per il settore privato (meno tasse, meno burocrazia e meno corruzione) che in una sana competitività si sviluppa creando posti di lavoro e opportunità.

Libertà75

Mer, 11/03/2015 - 15:40

7 sono pochi per rilanciare i consumi... meglio fissare redditi minimi alti e incentivare con riduzione di costi piuttosto che sperperare denaro con gli 80 euro

Ritratto di Scassa

Scassa

Mer, 11/03/2015 - 16:24

scassa mercoledì 11 marzo 2015 Mio Mao mio mao ,attenzione ...con il minimo orario da 7/8 euro ora netti...attenzione pericolo ...saltano le COOP e dopo li compa'che magneno ,pori cocchi ????????????????scassa.

chicolatino

Gio, 12/03/2015 - 03:26

do ut des sei un genio...io ti rispondo dicendo che i fancazzisti vadano a zappare la terra, e i volenterosi e capaci siano liberi di lavorare quanto vogliono facendo tutti gli straordinari ke vogliono ed essere pagati conseguentemente, oltre a ricevere premi di produzione elevati..le imprese crescono e generano posti di lavoro grazie alle persone valide, non grazie a 3 persone che fanno il proprio compitino che 1 in gamba farebbe da solo..