Salone del Mobile a Shanghai, design e lifestyle italiano alla conquista della Cina

Dal 23 al 25 novembre 109 brand italiani all' Exhibition Center nelle aree Classic, Design e xLux. Il SaloneSatellite lancia i designer emergenti. Master Classes con grandi architetti. "Piazza italiana" con eccellenze del nostro Paese. La mostra fotografica "Italian Interiors from 1925 to the Present Day". Cina settimo mercato per l'export di mobili e illuminazione made in Italy

Dopo Mosca e la Russia la Cina, il Salone del Mobile.Milano è sempre più internazionale e porta sui grandi mercati internazionali il bello e ben fatto del mobile, del complemento d’arredo e del design made in Italy, espressione delle eccellenze presentate in splendide collezioni al Salone di Milano. Ed è un ritorno, quello del Salone del Mobile.Shanghai seconda edizione che si tiene dal 23 al 25 novembre 2017 allo Shanghai Exhibition Center con la presenza di 109 brand italiani che scommettono sulle prospettive di crescita del mercato cinese e sulle opportunità che si aprono per le nostre esportazioni.

I dati sono eloquenti: la Cina è la seconda economia mondiale per Pil a prezzi correnti preceduta solo dagli Stati Uniti e la prima per Pil a parità di potere d'acquisto. Nel 2016 la crescita del reale è stata del 6,7% mentre per quest’ anno è stimata del 6,6%. In rallentamento per il biennio 2018-2019 a +6,2% e +6%. (Fonte: Fmi - World Economie Outlook aprile 2017 - National Bureau of Statistics of China). Riduzione in linea con la nuova strategia economica New Normal che punta a fare della Cina un'economia avanzata basata su consumi, servizi e innovazione.

L’urbanizzazione è uno dei trend fondamentali: nel 2016 il tasso di urbanizzazione ha raggiunto il 57,3% della popolazione (circa 790 milioni di persone) e, secondo l'Accademia cinese di scienze sociali, potrà raggiungere il 60% entro il 2018. Espansione urbana che si allarga alle città di minori dimensioni. Anche i consumi pubblici e privati continuano a crescere passando dal 44,9% del Pil nel 2010 al 64,4% a fine 2016, con i consumi al dettaglio che mantengono una dinamica stabile e positiva anche nei primi nove mesi del 2017 (+10,3% rispetto al 2016) va sottolineato come la vendita di mobili al dettaglio abbia registrato una crescita superiore alla media delle vendite totali di beni negli ultimi tre anni. Dopo il rallentamento registrato negli ultimi mesi del 2016, nel 2017 le vendite di mobili sono infati tornate a crescere a livelli superiori al 10%.

Tradotto in cifre, guardando all’export made in Italy di arredamento e illuminazione, significa un incremento dal 2009 al 2016 del +334%. E nei primi sette mesi del 2017 la Cina è diventata il settimo mercato di destinazione del made in Italy arredamento e illuminazione (da gennaio a luglio +35,8%), che è la più alta fra i dieci mercati di sbocco all’estero. Non solo, secondo elaborazioni del Centro Studi Federlegno Arredo Eventi - FederlargnoArredo su dati Istat, nel 2021 potrà arrivare al +575% rispetto al 2009.
Rispetto ai concorrenti l’Italia è il Paese che ha venduto di più in Cina nel 2016, confermandosi il primo fornitore di mobili, con 341 milioni di euro (il 18,2% sul totale dell’import cinese). Quest’anno è stato il comparto degli imbottiti a trascinare con più forza la crescita (+51,5%), ma balzi in avanti importanti stanno interessando i semilavorati per arredi e l’ufficio a cui si aggiungono camere da letto, materassi e area living, complementi e cucine.

Il Salone del Mobile.Milano Shanghai, nei tre giorni dedicati a design, mobile classico e arredamento lusso, è incentrato su tre tre proposte di arredo che anticipano le tendenze del lifestyle: Classic (16 brand, + 24% sul 2016) propone prodotti dal fascino senza tempo che riflettono il valore della produzione artigianale e della tradizione; Design (58 brand, +54% sul 2016) mette in mostra prodotti che sono espressione di funzionalità, innovazione e grande senso estetico; xLux (35 brand, + 92% sul 2016) gioca sull’equilibrio fra eleganza classica e design contemporaneo.

Prodotti ma anche mostre, interventi e dibattiti con i più importanti designer a livello internazionale. Alle Master Classes tre architetti italiani di fama internazionale, Mario Bellini, Piero Lissoni e Giancarlo Tintori, dialogano con i grandi designer cinesi Di Zhang, Kuang Ming (Ray) Chou, Jamy Yang per approfondire visioni e pensieri sullo sviluppo dell'industria della progettazione in Cina e nel mondo.

Durante domus and the global challenge - organizzato da domus international - ci si interroga sul ruolo dell'architettura e del design nel processo di trasformazione globale delle comunità internazionali. Italian Design Icon Makers. Comparing stories and visions - organizzato da Interni China - è un focus sui protagonisti del progetto, su chi lavora dietro le quinte ma ha un ruolo chiave nell'affermazione internazionale del made in Italy. Ideat Future Forum - organizzato da Ideat sabato 25 novembre - riflette su temi del prossimo futuro: tecnologia intelligente, sostenibilità, produzione artigianale, rapporto tra arte e industria, con una particolare attenzione all'esperienza italiana. L'Elle Deco International Design Award, che anno celebra la cultura del progetto - organizzato da Elle Decoration - premia chi si è distinto in tredici diverse categorie di design.

L'offerta culturale è completata dalla rassegna fotografica Italian Interiors from 1925 to the Present Day curata dall'architetto Alessandro Colombo, Studio Cerri e tratta da Stanze.Altre Filosofie dell'Abitare a cura di Beppe Finessi organizzata dal Salone del Mobile.Milano nel 2016 con immagini dei progetti dei più importanti designer del XX secolo a testimonianza di come gli spazi che abitiamo riflettano l'evoluzione del gusto e del modo di vivere contemporaneo.

Torna anche il Salone-Satellite Shanghai, dedicato ai talenti under 35: 50 tra giovani designer, studenti di università e scuole di design cinesi presentano progetti che si distinguono per l'approccio innovativo al design e all'estetica e per l'uso pionieristico delle nuove tecnologie. Tutti i progetti rispondono alla domanda Design is ...? e i tre migliori, selezionati da una giuria di professionisti del settore, verranno premiati venerdì 24 novembre nell'ambito del SaloneSatellite Shanghai Award e invitati a partecipare all'edizione 2018 del SaloneSatellite, nell'ambito del Salone del Mobile.Milano, dal 17 al 22 aprile del prossimo anno.

Accanto alla cultura e al design, altre eccellenze italiane convergono nella "piazza italiana", cuore della manifestazione al Sec e luogo d'incontro e relax, di scambio di idee e di relazioni con una selezione di marchi esemplificativi del’Italian lifestyle: Alfa Romeo e Piaggio. I foodie cinesi possono gustare l'espresso italiano di illy, l'acqua minerale S.Pellegrino, la più conosciuta nel mondo con un heritage di oltre 100 anni e una selezione dei migliori vini italiani presso l'Italian Wine Bar. Il partner istituzionale del Salone del Mobile.Milano 2017, Gruppo Intesa Sanpaolo sostiene il design anche Shanghai, perché la manifestazione è un’opportunità unica per favorire l'accesso e l'espansione all'estero delle imprese del tessuto imprenditoriale italiano.

Da ricordare infine la la collaborazione con il partner cinese Vnu Exhibition Asia, il main sponsor JD.com e il supporto anche da parte del Governo, dell'Agenzia Ice, dell'Ambasciatore italiano a Pechino Ettore Sequi e delle più importanti Istituzioni italiane presenti in Cina che ancora una volta "fanno squadra" con le imprese per sostenere il made in Italy.