Scott Jovane, esordio di fuoco con la trimestrale in rosso


Cominciano i dolori per il neo ad di Rcs Pietro Scott Jovane. Il secondo trimestre dell'anno, funestato da un pessimo momento sui mercati finanaziari, si prospetta infatti durissimo per la raccolta pubblicitaria. Gli investitori latitano e il bilancio di Rcs, come di altre società editoriali, ne risentirà pesantemente dopo che anche il primo trimestre dell'anno non era certo stato brillante. Scott Jovane si ritroverà a firmare un bilancio semestrale certamente non positivo. E la riunione del cda che dovrà esaminare questi conti è prevista per il 31 luglio prossimo. Oltretutto a Microsoft, dove era responsabile della filiale italiana, sul fronte dei numeri doveva misurarsi soltanto con l'azienda, in quanto la società di Redmond, come molte aziende statunitensi non fornisce dati di bilancio disaggregati per singoli paesi. E il fatturato è uno soltanto, ossia circa 70 miliardi di dollari.