Sisma, allarme di Squinzi:"Stop produttivo di 6 mesiPerderemo frazioni di Pil"

Il presidente di Confindustria: "Ci può essere uno stop produttivo di almeno 4-6 mesi nell'area colpito dal terremoto"

"Credo che sia abbastanza vicino alla realtà" dire "che ci possa essere uno stop produttivo di almeno 4-6 mesi. Nell'area si produce un po' di più dell'1% del nostro Pil e rischiamo di perdere una qualche frazione di punto di Pil soltanto a causa del terremoto".

A fare la previsione è il presidente di Confindustria, Giorgio Squinzi parlando dell'impatto del sisma in Emilia sulla produzione nelle zone colpite a margine del seminario promosso dall'associazione di viale dell'Astronomia sugli scenari industriali dell'Italia.

A chi gli chiedeva se avesse già incontrato i vertici della Cassa depositi e prestiti e il ministro dello Sviluppo economico, Corrado Passera, per concretizzare l'ipotesi di destinare parte della liquidità della Cdp alle imprese colpite dal sisma, Squinzi ha risposto: "No, non ancora".

"Sicuramente, è nei nostri programmi incontrare nei prossimi giorni Bassanini e Gorno Tempini per affrontare questa situazione e anche, in generale, per discutere un po' più da vicino della possibilità che una parte, spero anche consistente, della liquidità della Cdp vada nella direzione di favorire il sistema manifatturiero che sta soffrendo un credit crunch importante", ha concluso Squinzi.

Commenti
Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Mer, 06/06/2012 - 12:41

Per decenni la manifattura italiana ha ben guadagnato! Ora il periodo di crisi il guadagno é diminuito e questo comporta difficoltà e i prestiti sono necessari! Io personalmente a tutti coloro, che durante il periodo delle vacche grasse hanno portato negli ultimi trent'anni mille miliardi di euro fuori dall'Italia, consiglio caldamente di riportare il denaro in Italia! Questo consiglio lo deve dare anche agli alberghieri, ristoratori ed a tutti coloro che hanno portato all'estero il denaro guadagnato in Patria! Questo fà parte dell'Etica professionale e della Morale! La Patria merita rispetto ed amore e deve essere difesa con tutti i mezzi necessari! Inoltre bisogna stoppare 100% l'immigrazione e combattere il crimine organizzato nazionale ed internazionele, la corruzione ed anche il crimine organizzato degli immigrati, il terrorismo e le sue reti di crimine organizzato per recuperare altri mille miliardi di euro!

gpl_srl@yahoo.it

Gio, 07/06/2012 - 07:58

Squinzi ha già capito che questo governo sta remando contro qualsiasi tipo di ripresa: basta guardare l ' immobilismo con cui sta intervenendo in emilia dove la gente pensa a lavorare, il governo pensa a bloccarne le iniziative: burocrazia accentuata per bloccare qualsiasi tipo di ripresa: dunque cosa fare?? berlusconi, tra una chiavatina e l' altra, aveva all' aquila già attivato lo ricostruzione: qui per il momento si sono limitati a raccontarci che il costo di questo terremoto impedirà allo stato di intervenire su un abbassamento delle imposte: anzi ha già preannunciato un aumento delle accise sulla benzina: quest' uomo al servizio della germania, deve essere allontanato a vita da qualsiasi carica che preveda gestioni pubbliche; perché??' , perché assolutamente incapace di agire con saggezza: i suoi asini stanno morendo e lui non si rende conto che senza di loro la sua fattoria sarà destinata al fallimento: deve andarsene e con lui la Germania dall' EURO