Snam spinge i profitti (+17,7%). Ricavi in frenataENERGIA

Crescita a doppia cifra per l'utile netto di Snam, che chiude il 2013 a 917 milioni di euro (+17,7%). Calano, invece, i ricavi totali (-2,5% a 3,52 miliardi) e l'utile operativo (-3,6% a 2,03 miliardi), mentre aumenta del 76,7% la cassa operativa (1,69 miliardi). Risultati «significativi» secondo l'ad Carlo Malacarne, «nonostante il calo di circa il 9% dei volumi trasportati». Il manager ha sottolineato gli 1,9 miliardi di investimenti sostenuti nel corso dell'anno. Di questi, 1,29 sono stati impiegati in Italia (-0,8%) mentre circa 600 milioni sono stati finalizzati all'acquisizione della partecipazione nel Tigf in Francia, «passo importante nel perseguimento della nostra strategia di sviluppo all'estero». L'ad ha inoltre confermato l'interesse per il gasdotto Tag, che trasporta il gas dalla Siberia al confine con l'Austria e al Tarvisio.