Salgono i costi di Facebook, colpa di Whatsapp

L'applicazione di messaggistica, pagata 19 miliardi di dollari, nonostante i 600 milioni di utenti ha presentato una perdita netta di 232,5 milioni

Facebook non supera in Borsa l'esame dei conti del quarto trimestre. Ieri il titolo del social network da 1,375 miliardi di utenti ha perso, a Wall Street, circa il 6%. A spaventare gli investitori il forte aumento dei costi annunciato. A pesare anche il rosso imputabile a Whatsapp, l'applicazione di messaggistica, pagata 19 miliardi di dollari che, nonostante i suoi 600 milioni di utenti ha presentato una perdita netta di 232,5 milioni. Eppure l'utile è quasi raddoppiato: 806 milioni contro i 425 rispetto allo stesso periodo del 2013. Il dato di Whatsapp è difficile da interpretare visto che, sulla società, pesano anche spese finanziarie e non per l'operatività. Un dato preoccupante, alla luce dei 19 miliardi spesi per l'acquisizione, solo 3 sono stati versati per la piattaforma e gli utenti. Più di 15 sono invece imputati a «guadagni futuri e vantaggi strategici». Ma anche Facebook ha problemi: il social network sta perdendo capacità attrattiva nei confronti dei più giovani che preferiscono altri strumenti di comunicazione.