Sondaggi, Salvini giù e il 78% dice: "Italia non conta in Europa"

Stabili i 5 stelle, lieve crescita Pd, F.I. al 12%

Il 66% degli italiani non vogliono la Brexit e solo il 25 auspicherebbe l’uscita dall’Europa del nostro paese. Malgrado la maggioranza guardi a Bruxelles, per il 78% non pesiamo nelle scelte che fa l’Unione contro un risicato 16% che, ottimisticamente, ci ritiene fondamentale nelle mosse della Comunità. Ecco perché nelle rivendicazioni salviniane c’è una maggioranza di cittadini che si riconosce nelle accuse fatte dalla Lega. Secondo il sondaggio Tecnè, oltre alle valutazione sugli equilibri europei, c’è uno spaccato che valuta i provvedimenti governativi.

Li valuta negativamente rispetto alla domanda: percentuale di giudizi positivi sui provvedimenti del Governo. Partendo dalla riforma Fornero, la nota Quota100 è apprezzata solo dal 39%, il reddito di cittadinanza dal 31, la flat tax , gli aiuti per le famiglie e per le imprese solo con un basso 25 mentre per il 45% (quindi neanche la metà dei cittadini) il giudizio è positivo sulla gestione dei flussi migratori.

Non distanti i dati per i singoli rispetto al sondaggio Tecnè di un mese fa.
La Lega però continua la lenta discesa andando dal 32.8 al 31.2; i Cinque Stelle passano dal 25.3 al 25.5%; il Pd dal 17.1 al 17.6; Forza Italia dal 10.8 al 12; Fratelli d’Italia dal 4.2 al 3.9 ed altri con un complessivo 9.8%.

Il centro destra, stando a questi numeri, sarebbe sempre la coalizione vincente con un complessivo 47.1% (F.I. + Lega + Fratelli d’Italia) contro un 25.5 dei cinque stelle che se in ipotetica alleanza con i Democratici, non supererebbero comunque detta percentuale arrivando ad una coalizione del solo 43.1%.

Commenti
Ritratto di Evam

Evam

Mar, 22/01/2019 - 17:11

Meno male che ai sondaggi si può anche non credere, altrimenti ci sarebbe da dubitare sulla integrità mentale di un popolo e una nazione.

cgf

Mar, 22/01/2019 - 18:57

Sarei curioso di conoscere come sono state formulate le domande.

gianca.3000

Mer, 23/01/2019 - 09:20

Il reddito di cittadinanza sarà la tomba del M5S ,speriamo non lo sia anche per l'Italia. La lega sta pagando per non essere stata in grado di cambiare questo provvedimento assistenziale che non creerà lavoro ma sarà un altro macigno formidabile che sbarrerà la strada della ripresa economica,eppure per trasformare questo reddito di cittadinanza in un provvedimento che avrebbe aiutato a fare diminuire la disoccupazione basterebbero poche modifiche,peraltro,anche se sembra folle pensarlo,credo che la lega , se osasse farlo , si accorgerebbe che il tempo non é ancora scaduto. La lega non oserà ? pagherà, anche se é palese che non approva le modalità con cui il reddito di cittadinanza è stato fatto .

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 23/01/2019 - 14:02

Evam tu dubiti? Io no

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Mer, 23/01/2019 - 17:59

cosa deve contare con i suoi evasori fiscali e bandiere rosse in piazza? Ohh se ci fosse stato Berlusconi al governo avrebbe contato di più di quei due sbarbatelli e dell avvocato delle cause perse.