Spread sotto i 240 punti base: toccato il minimo da due anni

Continua la discesa dello spread dopo il dato dell'indice Zew. Il differenziale tocca i 238,5 punti, con un rendimento in calo al 4,15%. Giovannini: "La ripresa sta arrivando"

Continua la discesa dello spread dopo il dato positivo sulla fiducia degli investitori tedeschi. Il differenziale tra i Btp decennali e i Bund tedeschi ha toccato i 238,5 punti base, con un rendimento in calo al 4,15%. Quest'anno lo spread è rientrato due volte sotto la quota psicologica dei 250 punti base, a gennaio e a marzo, ma poi è sempre risalito. In questi giorni, però, la discesa è frutto dell’azione congiunta del rincaro dei Bund tedeschi e dell’allentamento dei decennali italiani e spagnoli. Anche il differenziale tra i Bonos e i Bund è, infatti, sceso a 272 punti, toccando il minimo da due anni a questa parte e segnando un tasso del 4,46%. Il rendimento del decennale tedesco avanza ai massimi da un mese all’1,75%.

Lo spread tra Btp e Bund tedeschi è sceso sotto la quota dei 240 punti base. Il restringemento, che è il minimo registrato da due anni, si è accentuato dopo i postitivi dati sull’indice Zew tedesco ad agosto. "Il debito pubblico cresce, ma di poco, le entrate tributarie salgono, ma il dato di luglio tenderà a ridimensionare il balzo, lo spread ai minimi un premio alla stabilità politica". Tutte "buone notizie" per il ministro del Lavoro Enrico Giovannini che in un’intervista a Repubblica, però, ci ha tenuto a sottolineare che la "ripresina dello zero virgola" non basta. "Purtroppo il pil è ancora diminuito - ha spiegato il titolare del dicastero del Lavoro - ma altri indicatori di fiducia di famiglie e imprese, nonché quelli sulla produzione industriale di giugno, sono interessanti. E confermano un possibile segno più del pil tra il terzo e il quarto trimestre dell’anno". Anche l’Eurozona mostra gli stessi segnali. Una buona notizia soprattutto per chi esporta. "È chiaro che la ripresa dello zero virgola non è sufficiente a recuperare i tantissimi posti persi - ha sottolineato Giovannini - ma il tasso di disoccupazione negli ultimi due-tre mesi non si è alzato". Dal momento che il governo ha preso l’impegno di abbassare le tasse, l'esecutivo deve tagliare la spesa pubblica. E la legge di stabilità di ottobre sarà il momento delle grandi scelte. "Entro agosto intanto avremo la riforma dell’Imu - ha concluso il ministro - ma va coordinata con gli altri interventi".

Commenti

miaopinione

Mar, 13/08/2013 - 11:47

Finalmente il duro lavoro del cavalliere sta dando i suoi frutti!!!

giuliana

Mar, 13/08/2013 - 12:39

Siamo al delirio totale. Aumenta il debito pubblico, aumenta la disoccupazione, diminuisce i pil....siamo sulla buona strada ... sì, quella della Grecia. Aspettiamo di vedere cosa succederà quando cominceremo a sentire gli effetti del trattato fiscal compact, grazie al quale dovremo sborsare 45 miliardi di euro all'anno per 20 anni. Siamo in mano a dei...decidete voi a chi...

agosvac

Mar, 13/08/2013 - 13:22

Egregia giuliana, lei ha ragione: un aumento del debito pubblico a fronte, addirittura, di maggioro introiti fiscali significa che il Governo non ha ancora fatto la cosa più importante e cioè non ha messo mano alla riduzione della spesa pubblica. Comunque non siamo certamente a livello della Grecia, visto che i nostri titoli di Stato sono diventati più appetibili, come è giusto che sia, dei bund tedeschi. Gli investitori, anche quelli stranieri, ormai si stanno orientando verso i nostri titoli piuttosto che verso i bund che non rendono neanche il capitale investito. In effetti la diminuzione dello spread è anche dovuto all'aumento degli interessi dei bund. In parole povere i tedeschi per vendere i loro titoli devono aumentare i tassi. Per quanto riguarda il fiscal copact, anche quì ha ragione, però io penso che tale trattato andrà sicuramente rimodulato dato che nelle nostre stesse condizioni c'è mezza Europa, compresa la Germania che ha un debito pubblico addirittura superiore al nostro.Finora la Germania se l'è cavata perchè la sua economia cresceva, ora non cresce più tanto, non sono ancora in recessione ma ci stanno andando vicini. E' da diversi trimestri che la loro economia cresce dello 0,2/0,3% contro il 3% degli Usa e il 7% della Cina, gli altri paesi emergenti crescono tutti in valori tra gli Usa e la Cina. Per tirare le conclusioni, per quanto riguarda l'Italia, se il Governo non mette le mani sulla riduzione della spesa pubblica e la riduzione delle tasse abnormi che ci attanagliano, allora siamo fritti. Se invece cominciasse a farlo, quanto meno mettendo un po' di soldi in tasca agli italiani con l'eliminazione dll'Imu sulla prima casa, il non aumento dell'Iva ed il pagamento TOTALE dei debiti della Pubblica Amministrazione, allora abbiamo qualche speranza!!!

Giorgio1952

Mar, 13/08/2013 - 13:34

Miaopinione che non hai capito proprio nulla, il fiscal compact e' figlio degli accordi sottoscritti dal duo Berlusconi/Tremonti questi sono i frutti che raccogliamo, andiamo alle elezioni e come dice Monti e ridurremo l'Italia in macerie. A proposito di Monti ma lo spread non era un imbroglio secondo il Berlusca siamo 330 punti sotto al novembre 2011 quando il cav mollo', per cui anche il "io non mollo" e' una balla.

miaopinione

Mar, 13/08/2013 - 14:12

@Giorgio1952: Le do perfettamente ragione!!! La mia era ironia, che pero´non ha funzionato perche´il mio secondo messaggio non e´stato pubblicato.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 13/08/2013 - 14:49

qualcuno vuole ammettere che questo spread al minimo è ANCORA colpa di Berlusconi? :-) attendo una risposta....

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 13/08/2013 - 14:58

MERITO DEL DEBITO PUBBLICO SALITO ANCORA NUOVO RECORD GRAZIE A MONTI E LETTA, ITALIANI ANCORA CREDETE A QUESTE BARZELETTE COSTRUITE AD HOC PER FAR CADERE IL GOVERNO BERLUSCONI ? ADESSO NON SERVE PIU' ECCO PERCHE' SCENDE.

Oldserver

Mar, 13/08/2013 - 15:37

caro mortimermouse stavolta non è colpa di Berlusconi, è merito di Berlusconi, meglio del giudice Esposito e della sentenza. Sa all'estero hanno la brutta abitudine di considerare le sentenze definitive.......appunto definitive, cosa che evidentemente ha rassicurato gli investitori

petra

Mar, 13/08/2013 - 15:48

Mi sa tanto che questo spread altro non è che un mezzo per tenerci le briglie e imporci la strada da seguire (vedi governo che a qualcuno FA COMODO). Ricatto?

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 13/08/2013 - 15:54

OLDSERVER definitive non direi. ma non è merito nemmeno di esposito. e comunque, con queste affermazioni, lei sta dimostrando ancora una volta l'ignoranza comunista. che è quella di mettere in relazione due cose assolutamente non collegabili: la variazione dello spread e la vicenda di Berlusconi. sarebbe come mettere in relazione le sue vicende personali con le variazioni del numero di vendite della ferrari... c'è qualche relazione tra queste due cose? no? e quindi? tragga lei le conclusioni, visto che vi ritenete gente superiore, boriosi sapientoni del genere "sotuttoio" :-)

Ritratto di perSilvio46

perSilvio46

Mar, 13/08/2013 - 15:58

Lo spread scende perché sale l'interesse del Bund tedesco, infatti l'interesse dei BTP (10a)è sostanzialmente invariato. Ed allora una domanda: quanto il valore dello spread è dovuto alla solvibilità del debito pubblico e quanto è dovuto alla speculazione?

Ritratto di pipporm

pipporm

Mar, 13/08/2013 - 16:01

Dopo la condanna di Berlusconi lo spred continua a scendere dimostrando da parte dei mercati la fiducia nell'Italia. Grazie Silvio

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 13/08/2013 - 16:27

mortimermouse: ma benedetto figliolo... certo è che, di tanto in tanto, te ne vieni fuori con sortite spassosissime! Io non mi cimento a parlare di temi economici in quanto non sono il mio pane, ma una cosa (una di numero) l'ho capita: uno spread basso è comunque qualcosa di positivo, non di negativo!

Ritratto di luigipiso

luigipiso

Mar, 13/08/2013 - 17:09

Ringraziamo il giudice Esposito

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 13/08/2013 - 17:34

DREAMER_66 e quindi? cosa vuole dire con lo spread basso? io non ho mai affermato che lo spread basso sia una cosa negativa. è lei che non capisce una sega sulla inconsistente correlazione tra la variazione dello spread e la vicenda di Berlusconi. o forse si è scordato la vicenda nel novembre 2011?? saliva lo spread e la colpa fu Berlusconi. se scendeva era sempre colpa di Berlusconi. non si ricorda? eh l'amnesia comunista.... :-) signor "sotuttoio" quindi faccia le sue conclusioni pseudo-intellettuali :-)

Ritratto di stenos

stenos

Mar, 13/08/2013 - 18:34

Adesso il pd affonda il governo......

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 13/08/2013 - 18:57

Lo spread è colpa di Berlusconi?!ahahaha ma per favore!!!!è la barzelletta più divertente che io abbia mai sentito!!secondo voi se Silvio va in pensione lo spread che fa??cala ancor di più?si dai magari anche il debito pubblico diminuisce e gli asini volano!

Ritratto di Dr.Dux 87

Dr.Dux 87

Mar, 13/08/2013 - 19:00

La spesa pubblica non verrà mai veramente tagliata e gli sprechi della P.A. Resteranno tali fino a quando la gente non scenderà in piazza a manifestare sotto i palazzi di governo!!fino a quando ciò non succederà beh aspettate e sperate!

Ritratto di Dreamer_66

Dreamer_66

Mar, 13/08/2013 - 19:02

mortimermouse: mi piacerebbe sapere quali contorti marchingegni albergano, ormai arrugginiti, nella tua scatola cranica! Ma sei stato tu o io a scrivere "...è ANCORA colpa di Berlusconi?". Nel Novembre 2011, a torto o a ragione, si è data la colpa a Berlusconi dell'eccessivo RIALZO dello spread (cosa negativa)... oggi, con uno spread basso (cosa positiva) casomai si potrebbe speculare su chi ne abbia il merito, non la colpa come asserisci tu. Se poi non capiscI il significato dei tue termini COLPA e MERITO (che sono contrari)o le tue ridotte capacità cognitive non ti consentono di utilizzarli nella maniera appropriata, vai a sfogliare il vocabolario e poi ne riparliamo.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 13/08/2013 - 19:25

DREAMER66 lei sta dicendo che esiste un collegamento tra spread e Berlusconi! è quindi affermata l'assoluta idiozia. ammessa anche da economisti di fama mondiale, l'inesistenza di questo collegamento :-) non si arrampichi sullo specchio, che la renderà ancora più ridicolo, vista la sua argomentazione che fa acqua da tutte le parti e anche dal suo povero cervello, ormai pieno di segatura intorbidita da acqua che le esce a fiotti.... :-) non darò altre risposte perché llei sta facendo pietà, pena e ribrezzo....

franco@Trier -DE

Mar, 13/08/2013 - 19:26

evviva presto andrete tutti a lavorare.

franco@Trier -DE

Mar, 13/08/2013 - 19:28

scusate ma allora aveva ragione Monti siete arrivati in fondo al tunnel si intravede la luce della uscita.

Anonimo (non verificato)

franco@Trier -DE

Mar, 13/08/2013 - 23:44

il tunnel sta finendo viva Monti.