Lo squalo pentito rivela come non farsi fregare dalle banche

Un ex dirigente rivela in un libro tutti i trucchi che gli istituti di credito utilizzano per guadagnare sulle spalle dei clienti ignari

Gordon Gekko esiste davvero. Il personaggio uscito da Wall Street vive in Italia e ha cambiato nome. Si chiama Vincenzo Imperatore e per fortuna è meno spietato del suo corrispettivo di celluloide. Stanco di truffare clienti per il suo tornaconto ha deciso di scrivere un libro per mettere in guardia dai rischi che si corrono a fidarsi troppo delle banche. 

Io so e ho le prove - Confessioni di un ex manager bancario è un resoconto dettagliato di truffe e raggiri ai limite della legalità con cui le banche raggirano ogni giorno i correntisti. Parla per esperienza diretta Imperatore che, senza modestia, si definiva uno dei migliori nel suo campo. Poi arrivò la crisi del 2009 e i superiori che tentavano di scricare il disastro finanziario su di lui lo portarono a decidere di espiare le sue colpe aiutando chi circuiva per lavoro fino al giorno prima. 

"Le banche sono abituate a non scontare la pena, e non risarciscono. Al limite restituiscono per ricominciare la volta dopo. Però temono il danno reputazionale". Parola di esperto che garantisce che con gli istituti di credito servono preparazione, attenzione e nessuna remora nel denunciare. Il correntista infuriato è il primo timore dei banchieri, tanto da aver fatto istituire un fondo speciale, conosciuto dagli addetti ai lavori, denominato 72H. La sigla rappresenta un sistema che permette di attingere in tempi rapidi a una riserva di denaro per risarcire con pochi spiccioli il cliente che ha scoperto la fregatura. La regola numero uno, infatti, è non finire mai in tribunale. 

Le banche sanno che un processo costerebbe molto salato per ognuna delle operazioni che svolgono quotidianamente ai danni dei correntisti. Ad esempio dopo il primo gennaio, aumentano i tassi di interesse a tutti i conti correnti di una percentuale dello 0,1 per cento, sicuri che solo il 3 per cento dei correntisti generalmente nota l'aumento. Un giochino che fa guadagnare milioni ogni anno. 

Altra procedura abituale è il cambio delle condizioni contrattuali in caso di fusione tra istituti diversi. Ovviamente senza avvertire i clienti, con buona pace dell'articolo 118 del testo unico che vieta espressamente operazioni simili. Altro gioco di prestigio è l'importo degli assegni disponibili in valuta che arriva solo dopo 4/5 giorni permettendo alla banca di guadagnare ulteriormente sul mercato interbancario. 

 

Commenti

vince50_19

Mer, 15/10/2014 - 15:22

E Bankitalia che fa, dorme (come ha dormito con MPS ad es.) o è connivente?

Gianni000

Mer, 15/10/2014 - 15:47

A cosa serve questa informazione ? Il problema è obbligarli a cambiare, avete mai provato a chiedere di cambiare qualcosa ? La loro risposta è sempre la stessa. Chi di questi tempi si metterebbe contro una banca ?

Gianni000

Mer, 15/10/2014 - 15:51

Bella la pubblicità inserita da Google, che mentre leggete questo articolo esce con il banner "Master Card invece è diversa!!!" , occhio che se scrivete nel blog che andate al bagno vi segnalano la migliore carta igienica.

puntopresa10

Mer, 15/10/2014 - 15:58

niente di nuovo sotto il sole,quando sento che qualcuno ha truffato una banca sono la persona più felice dellaterra.

Rossana Rossi

Mer, 15/10/2014 - 16:28

Che le banche siano associazioni a delinquere legalizzate lo avevamo capito già da tempo...quello che scandalizza è che nessuno pensi a metterci un freno.....

@ollel63

Mer, 15/10/2014 - 17:06

"le banche sono associazioni a delinquere legalizzate" come pure tutte le amministrazioni pubbliche che creano per se stessi stipendi da nababbi, coi soldi rapinati ai cittadini coglioni che li hanno votati, bonus aggiutivi per il medesimo lavoro (sic! sic!) per cui si sono tra loro spartiti la torta, ...

@ollel63

Mer, 15/10/2014 - 17:07

"le banche sono associazioni a delinquere legalizzate" come pure tutte le amministrazioni pubbliche che creano per se stessi stipendi da nababbi, coi soldi rapinati ai cittadini coglioni che li hanno votati, bonus aggiutivi per il medesimo lavoro (sic! sic!) per cui si sono tra loro spartiti la torta, ...

@ollel63

Mer, 15/10/2014 - 17:07

tutte canaglie sinistrate

Ritratto di semovente

semovente

Mer, 15/10/2014 - 17:15

Adesso che sappiamo quello che già era noto, continuamo ad attendere che chi di dovere intervenga. Al riguardo ho fondati dubbi che accada, vivendo purtroppo in una nazione dove la truffa ed il raggiro sono una costante ben accetta e mai sanzionata adeguatamente.

maurizio50

Mer, 15/10/2014 - 17:20

La questione è una sola: presentare denunce , corredate di prove, all'Autorità Giudiziaria! E pregare che l'inchiesta non capiti in mano a qualche giudice amico della banca in questione. In passato è già successo!!!!

Ritratto di RobyPer

RobyPer

Mer, 15/10/2014 - 17:45

@vince50_19 - Bankitalia è privata, quindi connivente

Ritratto di maurofe

maurofe

Mer, 15/10/2014 - 18:55

PERCHÈ NON PARLATE DELLE COMMISSIONI DI ISTRUTTORIA VELOCE....DELLA MESSA DISPOSIZIONE FONDI....DEGLI INTERESSI DEL 13-15% SUI FIDI...DELLE SPESE UNA TANTUM CHE SONO USURA MASCHERATA! DOVETE DARCI UNA MANO VOI GIORNALISTI A FAR EMERGERE I VERI BALZELLI CHE DISTRUGGONO IMPRESE E COMUNI CORRENTISTI IN DIFFICOLTÀ.... DOVETE CALARVI A LIVELLO NORMALE...QUOTIDIANO E SMETTERLA DI CERCARE LA NOTIZIONA!!!

FRAGO

Mer, 15/10/2014 - 19:03

Purtroppo le banche sono super protette, anche dalla magistratura e organi di polizia e vigilanza. Quando le banche sono state denunciate per usura avete mai visto un funzionario finire in galera per questo reato, il reato c'è ma non si trova chi l'ha commesso! Brava magistratura, brava G,F, e polizia. A Topolonia il commissario Basettoni è più bravo!

vince50_19

Mer, 15/10/2014 - 19:24

RobyPer - La Banca d'Italia è un istituto di diritto pubblico, tant'è che la nomina del Governatore della Banca d’Italia avviene con decreto del Presidente della Repubblica su proposta del Presidente del Consiglio. Il fatto che quote della B.d'I. siano appannaggio anche di banche private oltre che di enti pubblici non riguarda le funzioni di controllo proprie della B. d'I. stessa, sulle cui funzioni i soci non hanno alcuna prerogativa.

Ritratto di Flex

Flex

Mer, 15/10/2014 - 19:38

Bankitalia evidentemente dirige "l'orchestra" altrimenti non si spiegano certe "porcate" avvenute negli ultimi anni.

vince50

Mer, 15/10/2014 - 20:06

Così è stato,così è,e così sarà,le teorie del fattibile non fanno testo.

Ritratto di greysmouth

greysmouth

Mer, 15/10/2014 - 20:53

Unicredit: 1000 Euro di CIV sottrattimi in 18 mesi!

cgf

Mer, 15/10/2014 - 21:58

Quello degl'assegni, anche dei bonifici, è un giochino risaputo.

chicolatino

Gio, 16/10/2014 - 06:45

soluzione: conto on line zero spese...ma gli italiani sono ancora talmente ignoranti che pensando oddio in internet mi fregano i quattrini..gli stessi somari che vanno ancora in agenzia viaggi ad organizzarsi le vacanze o a farsi i biglietti....il prezzo dell'ignoranza

Ritratto di franco-a-trier_DE

franco-a-trier_DE

Sab, 18/10/2014 - 09:40

volete dire che il 97% non danno l'aumento rschiando un processo per furto la banca? Io nella mia banca qui all'estero ogni variazione mi viene marcata dentro al mio conto banca tedesca e altra banca ma io dimenticavo che avete i risparmi in banche italiane.. detto tutto.