Tap, dall'estero un avviso all'Italia: bloccare tutto costerà decine di miliardi

Gli azeri ci avvertono: se rinunciate al progetto varato del Tap nel 2013 le penali potrebbero arrivare fino a 40 miliardi di euro

Mentre in Italia il governo sembra impantanato sulla decisione se proseguire o meno le grandi opere come l'Alta velocità e la Tap, all'estero i partner internazionali del nostro Paese osservano con attenzione quello che verrà deciso a Roma.

E soprattutto sul gasdotto che dovrebbe renderci indipendenti dalle forniture energetiche russe, gli Stati Uniti in particolare si aspettino che i lavori proseguano come da programmi. La prossima settimana il presidente del Consiglio Giuseppe Conte incontrerà il presidente americano Donald Trump e a Washington si aspettano rassicurazioni in tal senso.

Il premier avrà il non facile compito di tranquillizzare gli statunitensi sulla volontà del governo lega-stellato di andare avanti coi lavori per portare il gas dall'Azerbaigian, attraverso la Grecia e l'Albania, fino in Puglia. Ormai è cosa nota, infatti, che il MoVimento 5 Stelle vorrebbe fermare tutto, sia pure con qualche divergenza al proprio interno. I leghisti, invece, sono molto più freddi.

Se rinunciamo al Tap, penali da capogiro

Nelle cancellerie internazionali questi tentennamenti non piacciono: nei giorni scorsigli azeri hanno toccato il tema durante la visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, accompagnato dal ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, a Baku. Il presidente del Paese caucasico, Ilham Aliyev ha usato toni da ultimatum: se l'Italia non vuole realizzare la Tap basta che lo dica, ci sono altri Paesi che sarebbero ben felici di ospitare tracciati alternativi. E a Baku non disdegnano di accennare, sia pure con discrezione, alle onerose penali internazionali che il nostro Paese dovrebbe pagare nel caso stravolgesse i progetti approvati anni fa.

Le stime più ottimistiche, quelle del Mise, parlano di 20 miliardi di euro di danni. La società energetica azera che si occupa di monitorare i lavori, la Socar, arriva fino a 70 miliardi. Non proprio uno scherzo.

Commenti
Ritratto di scimmietta

scimmietta

Ven, 27/07/2018 - 13:03

Cacchio quanto ci vengono a costare quattro olivette .... speriamo almeno che siano buone ... e poi, chi se le papperà? Emiliano o un pentastellato?

cgf

Ven, 27/07/2018 - 17:20

chi NON HA MAI LAVORATO non realizza il valore dei mld, che importa lui/lei convinto come sono che si possono stampare nuove banconote

Marguerite

Sab, 28/07/2018 - 08:26

Anche il Venezuela...stampa le sue banconote che non valgono nemmeno la carta igienica...e i bimbi fanno i cassettoni dell’ immondizia per trovare da mangiare....che l’Italia segua i Grillini comunista e l’Italua sarà peggio del Venezuela, perché non ha le materie prime del Venezuela.... L