Tasi, vincono i Comuni: il governo rimborserà un miliardo di euro

Il governo coprirà l’ammanco di risorse derivanti dal passaggio da Imu a Tasi

Parte col piede giusto la trattativa tra il governo Letta e l'Anci per trovare una soluzione all’ammanco di risorse derivanti dal passaggio da Imu a Tasi, capitolo che comprende indirettamente anche il finanziamento delle detrazioni, già sostenuto da via XX Settembre con 500 milioni di euro.

La vicenda, su cui i Comuni si stanno battendo ormai da settimane, riguarda una cifra pari nel complesso a 1,3 miliardi, che a loro dire con la nuova imposta locale verrebbero a mancare nelle casse dei Municipi rispetto alla gestione Imu. Ma la strettoia pare essere stata superata oggi nel corso di una riunione al dicastero dell'Economia da cui è emersa la volontà del governo di trovare le risorse chieste dall’Anci. La soluzione passerebbe per la categoria D degli immobili (quelli genericamente intesi come capannoni industriali, che hanno un’aliquota del 7,6 per mille) il cui gettito - a stare alle previsioni di qualche settimana fa - sarebbe pari a 4,3 miliardi, di cui una parte potrebbe quindi essere dirottata nelle casse dei Comuni. Dall’incontro di oggi il governo ha invece chiuso sostanzialmente la vicenda delle detrazioni, autorizzando i Comuni ad aumentare l’aliquota tra lo 0,1 e lo 0,8 per mille sulla prima e la seconda casa (senza però superare la soglia massima, nel complesso, dello 0,8 per mille). Tuttavia una risposta definitiva la si avrà martedì 28 gennaio, quando il ministro dell'Economia Fabrizio Saccomanni comunicherà all’Anci la fattibilità delle soluzioni trovate nel frattempo dagli sherpa tecnici di via XX Settembre e dell’Associazione dei Comuni, che da domani mattina si metteranno al lavoro.

L’incontro di questa sera ha in ogni caso soddisfatto il sottosegretario all'Economia Pier Paolo Baretta, secondo il quale "con l’Anci oggi abbiamo fatto un passo avanti importante per la ridefinizione del gettito che i Comuni avranno a disposizione con la nuova imposta sulla casa, Iuc, rispetto al precedente regime di Imu". "Il clima - ha aggiunto - è stato sereno e a questo punto stiamo lavorando insieme ai sindaci per trovare una soluzione utilizzando parte del gettito derivante dagli immobili di categoria D". Il sottosegretario non ha però precisato se l’intesa con i sindaci si tradurrà o meno in una norma ad hoc perché, ha precisato, "prima è necessario lavorare in sede tecnica". "I Comuni sono soddisfatti per l’andamento dell’incontro - ha spiegato da parte sua Fassino - perché è stato concreto e costruttivo; a questo punto la parola finale in merito ad una possibile intesa la troveremo il giorno 28 gennaio in un incontro che speriamo possa essere conclusivo". Fino a quella data tuttavia, ha precisato, l’Anci "continuerà a non partecipare ai lavori della Conferenza Unificata, cosa che speriamo possa avvenire giovedì 30 gennaio, perché vorrebbe dire che una soluzione alle risorse che chiediamo, comprese tra 1 e 1,3 miliardi, è stata trovata". A questo punto i dubbi che serpeggiano tra molti addetti ai lavori riguarda la stima effettiva del gettito della categoria D, che sulla carta dovrebbe attestarsi a 4,6 miliardi ma che secondo alcuni potrebbe essere in realtà notevolmente più bassa, cosa che potrebbe complicare oltremodo la vita del governo Letta e stoppare eventualmente le istanze dei sindaci.

Commenti

eloi

Ven, 24/01/2014 - 17:37

Noi cittadini sappiamo solo che dobbiamo pagare, non sappiamo che fine fanno gli euro. Se li stanno litigando Stato, Regioni e Comuni. Poveri noi.

LAMBRO

Mer, 29/01/2014 - 10:38

CON FASSINO PRESIDENTE ANCI NON NE DUBITAVO!! LO HANNO ANCHE SALVATO DALLA BANCAROTTA DI TORINO A FINE ANNO!