Il tasso di interesse di Equitalia? 45,2%

Se il cittadino affida i propri risparmi allo Stato ottiene solamente l'1% di interesse. Quando, invece, accade il contrario lo Stato pretende oltre il 40%

La legge italiana stabilisce che, per i privati, il tasso di interesse legale sia l'1%. Significa cioè che "il contribuente non si deve attendere di più quando presta soldi o li dà in custodia a Stato o privati". Se invece accade il contrario, ovvero, se è lo Stato che attende dei soldi dai cittadini, ecco che le cose cambiano, come racconta Franco Bechis su Libero.

Marco Rossi, il nome è di fantasia, deve 2.100 euro all'Agenzia delle Entrate a causa di "irregolarità formali" presenti in una dichiarazione dei redditi vecchia ormai di cinque anni. Si rivolge così ad un commercialista che gli propone di scrivere una lettera ad Equitalia per ottenere un pagamento rateizzato. 2mila euro pesano sulle finanze del signor Rossi, sono circa due stipendi.

Dopo un mese, ecco che arriva finalmente la risposta di Equitalia: "Le abbiamo accordato la ripartizione del pagamento di tale documento in n. 28 rate mensili". Il linguaggio della lettera si fa umoso: si parla di "criterio alla francese, che prevede rate di importo costante con quota di capitale crescente e quota interessi decrescente". Morale? Il signor Rossi, per poter saldare il proprio debito a rate, dovrà pagare 3076,44 euro. 950 euro in più rispetto ai 2mila iniziali, esattamente il 45,2% in più. Stando così le cose, come evidenzia Bechis, "se uno va da uno strozzino dal cuore buono finisce che per una cifra così il prestito riesce perfino a risparmiare rispetto a quanto gli chiede il fisco italiano".

 

Commenti
Ritratto di Luigi.Morettini

Luigi.Morettini

Mar, 02/12/2014 - 11:11

L'ennesima dimostrazione che la vera MAFIA è lo Stato Italiano, non dei dilettanti che cercano soltanto di imitarlo.

Mr Blonde

Mar, 02/12/2014 - 11:20

FALSO o meglio falso il tenore dell'articolo. Provo a spiegare. Il sig rossi poniamo abbia un debito non pagato oggi magari un saldo iva 2013, si ritroverà la cartella equitalia (con gli aggravi che dite) non prima di 2-3 anni, dopodichè potrà chiedere una ulteriore rateazione per 72 o in certi casi fino a 120 rate, potendo saltare fino a 7 rate del piano. In sintesi questa maggiorazione si spalma su un periodo che va dai 8-9 anni fino agli 11-13, con un costo effettivo dell'operazione inferiore al finanziamento bancario. Equitalia è il creditore più idiota che c'è, provate a salatarre una multa in america o non pagare il fisco (o nella vostra amata russia) poi vedete che zucchero.

supposta64

Mar, 02/12/2014 - 11:21

MARIUOLI

Ritratto di mauriziogiuntoli

mauriziogiuntoli

Mar, 02/12/2014 - 11:39

Se malavita mafia e camorra cercassero una giustificazione ai propri comportamenti eccoti pronti sindacati, comunisti e organizzazioni come Equitalia. Stato tasse e manette. Buon lavoro, a tutti.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 02/12/2014 - 11:50

questo il sistema dei delinquenti. per questo non ci stancheremo mai di dare dei delinquenti a gentaglia come MRBLONDE, che pateticamente cerca di giustificare .... quanto schifo c'è nella sinistra!!!

BlackMen

Mar, 02/12/2014 - 12:41

mortimermouse: indovina indovinello, chi ha fondato Equitalia?

Mr Blonde

Mar, 02/12/2014 - 12:43

mortimermouse io ti parlo di fatti se potessi te lo dimostrerei carte alla mano ma puoi sempre andare da un tuo consulente e verificare

Ritratto di Ubidoc

Ubidoc

Mar, 02/12/2014 - 12:58

Se no come manteniamo i politici più corrotti d'Europa e tutti gli evasori fiscali ?

vincenzo1956

Mar, 02/12/2014 - 13:50

Caro MrBlonde.E' bene attenersi al testo dell'articolo.Il debito nei confronti di equitalia dice l'articolo che e' di euro 2.100.Se hai ricevuto qualche cartella sai benissimo che la cartella e'gia' comprensiva di interessi e sanzioni.Pertanto lascia perdere il conteggio a ritroso. Punto secondo.Il contribuente chiede non 72 o 120 rate ma 28 rate.Questo dice il testo dell'articolo.Equitali prospetta quello che e' definito piano di ammortamento alla francese,che poi e' quello normalmente adottato sui mutui.E quindi bisogna attenersi al metodo,allele rate,al tasso di interesse evidenziato. Il resto sono chiacchiere,supposizioni,se e ma che valgono meno di zero.Per la serie saper distinguere i fatti dalle opinioni.

canaletto

Mar, 02/12/2014 - 13:53

L'USURA E' UN REATO MA PUNIBILE SOLO PER I CITTADINI PERCHE' QUANDO LA FA LO STATO E' LEGALE. E' TANTO CHE DICO: EQUITALIA E AGENZIA ENTRATE POSSONO CHIEDERE ED IN MANIERA GENTILE, SOLO LE TASSE SENZA SOPRATTASSE, MULTE, SANZIONI, AGGI, INTERESSI PERCHE' TUTTO CIO' SI CONFIGURA IN USURA E IL PIU' DELLE VOLTE SI VA OLTRE IL 300 PERCENTO DEL DOVUTO. QUINDI COMINCIAMO A PAGARE SOLO IL DOVUTO COME FACCIO IO, QUANDO MISCRIVONO NON RISPONDO NEMMENO, TANTO NON POSSIEDO NULLA E QUEL POCO DEL MIO LAVORO STA DENRO IL MATERASSO. FACCIAMO TUTTI COSI

gioch

Mar, 02/12/2014 - 14:12

Dopo tre anni da un accertamento,ho pagato circa il triplo del dovuto.Dopo 28 anni ottengo un rimborso pari a meno del doppio del versato.Lo Stato siamo noi?

Mr Blonde

Mar, 02/12/2014 - 14:35

vincenzo1956 io insisto il tasso di finanziamento, se vogliamo parlare in senso improprio, con lo stato/equitalia è di gran lunga inferiore a quello bancario. Con la semplicità inoltre che non ci vogliono garanzie nè istruttorie. Poi i casi limite gli errori e le cartelle pazze ci sono sempre, figuriamoci, ma la realtà è questa

Ritratto di laPAPPAchecola

laPAPPAchecola

Mar, 02/12/2014 - 14:53

USURAI

peter46

Mar, 02/12/2014 - 14:54

Io sono d'accordo con l'impostazione,perfetta,data all'articolo,da vincenzo1956...non dimentichiamo,comunque gli anni in cui l'agenzia delle entrate "vendeva" ai riscossori privati tutti i debiti al solo 6% del DOVUTO,permettendo agli stessi(quasi sempre banche)di pretendere più del 100% fra more ed interessi oltre al dovuto:l'avesse chiesto direttamente al 50% 0 solamente al dovuto senza more ed interessi tutti avrebbero dato anche il 'culo' per pagare.E giacchè oggi si sente la mancanza: oltre al tempo dei Sinistronzi anche al tempo dei CentroDestronzi si sarebbe potuto...provvedere,o no?Speriamo che Ersola interceda presso i suoi Grillostronzi per risolverci il problema.