Tim, via libera dell'Agcom alla separazione della rete

E il titolo in Borsa sale dello 0,67% dopo i ribassi

Via libera dall'Agcom al progetto di separazione societaria della rete di Tim. Il consiglio dell'Autorità ritiene dunque che il progetto presentato dal gruppo di tlc possegga i requisiti di ammissibilità richiesti dall'organismo dei regolatori nazionali (Berec) per l'avvio della procedura di analisi di mercato. Sono però state rinviate le valutazioni che potrebbero migliorare le condizioni per i concorrenti. L'Agcom sottoporrà ora a consultazione pubblica lo schema del provvedimento per analizzare il mercato dell'accesso. Quanto a Tim, ieri il titolo ha guadagnato lo 0,67% dopo una serie di sedute al ribasso che hanno portato i corsi ai minimi dell'anno: dai massimi del 7 maggio le azioni hanno ceduto il 21%. Il titolo ha perso l'appeal speculativo che aveva portato a un rialzo in Borsa dopo l'assemblea del 4 maggio che ha sancito il cambio di governance tra Vivendi e Elliott. Il piano presentato dall'ad, Amos Genish, ha spento le attese della speculazione: Inwit è ritenuta strategica così come Tim Brazil, mentre Sparkle è cedibile ma l'operazione è difficile complice il golden power del governo. La separazione della rete di accesso in una società controllata al 100%, che potrebbe però culminare in una quotazione, potrebbe ora ridare spinta al titolo Telecom in Piazza Affari.