Tod's conferma la cedola, Ferragamo in crescitaLUSSO

Il lusso paga: dividendo confermato a 2,7 euro per Tod's e in rialzo per Salvatore Ferragamo, che passa da 33 a 40 centesimi. Come del resto ha fatto Brunello Cucinelli, proponendo una cedola di 0,11 euro per azione rispetto a 0,08 dell'anno precedente, dopo aver archiviato il 2013 con un utile netto in crescita del 10,9% a 29,6 milioni e ricavi netti a 322,5 milioni (+15,5%). Anche per il gruppo Ferragamo il 2013 è stato un anno di crescita del fatturato e della redditività: l'utile netto ha segnato un balzo del 43%, attestandosi a 150 milioni (+43%), i ricavi sono a quota 1,258 miliardi (+9%) e il risultato operativo si è assestato a 219 milioni, in crescita del 13%. Meno smagliante la performance di Tod's, che mostra ricavi stabili a 967 milioni, dai 963 del 2012, ma un utile netto in calo a 134 milioni, penalizzato dall'impatto sfavorevole dei cambi. «Abbiamo rafforzato la già solida struttura patrimoniale e finanziaria - sottolinea il patron Diego Della Valle -: il gruppo dispone di tutte le risorse necessarie per continuare a investire nello sviluppo dei marchi e nella struttura distributiva e produttiva».