La trattativa sugli esuberi verso i supplementari

La trattativa sul piano industriale della Banca Popolare di Milano potrebbe scivolare ai tempi supplementari con una proroga della vertenza. Questa mattina le forze sociali apporranno infatti l'ultima limatura alla propria controproposta, poi nel primo pomeriggio in Viale Bezzi a Milano ci sarà il summit con il capo delle risorse umane di Bpm Giovanni Rossi. Le delegazioni di Piazza Meda, supportate dalle segreterie nazionali, si opporranno ai prepensionamenti obbligatori, chiederanno assunzioni per coprire le posizioni della rete commerciale, inviteranno il top management ad autoridursi i compensi come è accaduto in Mps e domanderanno di stabilizzare subito i precari (per i tre contratti in bilico della Legnano ci sarebbe tempo solo fino a sabato).