Ue, inflazione dimezzata nell'Eurozona. L'Italia corre meno di tutti

Previsioni economiche d’inverno della Commissione Ue: crescita in calo nella zona Euro. L'Italia resta al palo. Deficit al 2,5% (dal 2,3%)

Per il 2016 l’inflazione annuale dell’eurozona è prevista solo allo 0,5%, dimezzata rispetto all’1% preventivato a novembre. Il dato emerge dalle previsioni economiche d’inverno della Commissione Ue, secondo cui il debole aumento dell’inflazione già nel 2015 è dovuto a "un ulteriore declino dei prezzi del petrolio" e per il 2016 pesa anche una "crescita dei salari tenue". Il tasso dovrebbe invece salire all’1,5% nel 2017 con salari più elevati, maggiore domanda interna e un aumento moderato del prezzo del petrolio. L’esecutivo comunitario sostiene che il costo del petrolio sia la causa principale di questa bassa inflazione. "Il prezzo del petrolio - recita il documento - è scivolato di nuovo e si considera che rimarrà nettamente inferiore rispetto alle previsioni di autunno, e che rimbalzerà più tardi" del previsto. Questo andamento dei prezzi del greggio "è probabile che ritarderà il rimbalzo dell’inflazione dal suo attuale livello molto basso".

La crescita del pil dell'Italia quest’anno sarà pari all’1,4%, contro l’1,5% previsto all’inizio di novembre. Nel 2017 all’1,3%, contro l’1,4% precedente. Il governo prevede uno scenario di base all’1,6% in entrambi gli anni. "L’economia italiana - è scritto nel rapporto pubblicato oggi - crescerà a un ritmo più veloce (rispetto al 2015, +0,8% ndr), però sempre sotto la media della zona euro" (1,7% nel 2016 e 1,9% nel 2017).

La disoccupazione nel 2016 è destinata a calare dall’11,9% all’11,4% per portarsi l’anno prossimo all’11,3%. Si tratta di un calo "graduale" indica la Commissione europea e sarà caratterizzato dal rientro nel mercato del lavoro delle persone ormai "scoraggiate". La disoccupazione viene riassorbita lentamente, indica il rapporto comunitario, "nonostante" l’azione di riforma del mercato del lavoro che "ha sostenuto l’aumento dell’occupazione nel 2015" (1,1% sia nel 2015 che nel 2016, 1% nel 2017). La Commissione segnala l’esenzione contributiva per tre anni per le assunzioni con contratto permanente, l’estensione della parziale esenzione (40%) per il 2016.

Per quanto riguarda l’andamento macroeconomico, la Commissione segnala come "anche se i crediti deteriorati pesano tuttora sui bilanci delle banche, le condizioni di credito nel 2016 miglioreranno dato che la politica monetaria resta accomodante". Ciò sosterrà la ripresa degli investimenti specialmente nel settore dei macchinari e degli equipaggiamenti, nelle costruzioni non residenziali. L’espansione dell’attività continuerà nel 2017 quando maggiori importazioni neutralizzeranno la forte domanda esterna e i consumi privati risentiranno dell’aumento dell’Iva previsto dalla legge.

Le stime europee si basano sul fatto che nel 2017 aumenterà l’Iva (due punti percentuali il tasso standard e 3 punti percentuali i tassi ridotti) a meno che non siano trovate misure compensative dal lato della spesa (si tratta delle fatidiche clausole di salvaguardia degli obiettivi di deficit). Se gli aumenti dell’Iva saranno evitati "nel 2017 il tasso di inflazione potrebbe risultare significativamente più basso di quanto previsto" (1,8%). Secondo Bruxelles, un ulteriore rallentamento della domanda esterna, un possibile deprezzamento delle valute dei mercati emergenti e tensioni nei mercati finanziari "costituiscono rischi al ribasso" delle previsioni. Le pressioni sui costi del lavoro sono previste limitate. La dinamica salariale moderata, la riduzione del cuneo fiscale e il miglioramento della produttività del lavoro aumenteranno i costi nominali unitari del lavoro sotto la media eurozona nel biennio.

Annunci

Commenti

Mechwarrior

Gio, 04/02/2016 - 11:48

Stipendi da ridere, tasse modello scandinavia e servizi da centro africa e si domandano perchè la gente non spende....

glasnost

Gio, 04/02/2016 - 12:26

L' Italia è la peggiore d'Europa e questo nonostante la Spagna non abbia un Governo. Ma il governo italiano se ne frega di questo, tanto loro gli stipendi continuano a prenderli. si gingillano coi sodomiti e non riducono le tasse. Ma che schifo!

Duka

Gio, 04/02/2016 - 12:31

L'ITALIA ANDRA' SEMPRE E SOLO PEGGIO SIN QUANDO NON SI TAGLIERANNO DRASTICAMENTE LE SPESE PUBBLICHE. Ogni sedicente governante di turno lo dice ma non lo fa perchè totalmente incapace. Ora abbiamo un bullo o se preferite un boy scout ad amministrare il paese. Un soggetto che non ha mai lavorato davvero un solo giorno in vita sua e pertanto già NON capisce la più semplice delle regole: "il primo guadagno è il risparmio ". Fino a quando saremo ostaggi di questa gentaglia che pensa solo a riempire le proprie tasche si andrà solo peggio.

alox

Gio, 04/02/2016 - 12:47

Condivido con MechWarrior, l'Italia ha sempre viaggiato col freno tirato...il social-comunismo e' una realta' ben presente: e gli evasori fanno le valige!

Ritratto di Chichi

Chichi

Gio, 04/02/2016 - 13:27

Ma che dice sta commissione? L’Italia corre meno di tutti? Da quando al governo c’è il putto nazionale graziosamente donatoci da Napolitano, il Parlamento corre come un freccia rossa. Tra sommarie discussioni in commissione, assenza di relatori, canguri, ghigliottine, tempi a contagocce... ha affastellato tante di quelle riforme, decreti legge, mille proroghe ecc, che non sappiamo più nemmeno quanti e quali siano. Siamo noi Italiani lenti nel renderci conto di quanto siamo fortunati. O no?

franco-a-trier-D

Gio, 04/02/2016 - 13:40

ma cosa scrivete il PD e Renzi direbbero che siete dietro la Germania, dovete credere a quello che dicono, dopotutto sei lo avete votato avete fiducia in lui dovete credergli, le mutande le avete ancora no? E allora? Non sapete che Renzi è stato a Berlino davanti alla Merkel esponendo i suoi fatti mettendo sull attenti la stessa Merkel?

franco-a-trier-D

Gio, 04/02/2016 - 13:40

ma cosa scrivete il PD e Renzi direbbero che siete dietro la Germania, dovete credere a quello che dicono, dopotutto sei lo avete votato avete fiducia in lui dovete credergli, le mutande le avete ancora no? E allora? Non sapete che Renzi è stato a Berlino davanti alla Merkel esponendo i suoi fatti mettendo sull attenti la stessa Merkel?,

DavidBalogh

Gio, 04/02/2016 - 14:10

Italia crescita 2015 +0.8 (venticinquesima in Europa) Italia crescita 2016 +1.4 (ventiquattresima in Europa) Italiariparte

pagu

Gio, 04/02/2016 - 14:40

ma che cavolo dite??? non avete visto in televisione il nostro amato premier, tutto va bene, il job act, funziona alla grande, gli ordini delle nostre aziende sono in continuo aumento, le tasse sono state diminuite, la benzina è quasi gratis, ed ora siete ricchi avete una bella 80euro da spendere in divertimenti!! i soliti disfattisti anti PD.

MEFEL68

Gio, 04/02/2016 - 15:02

I risultati veri sono questi non quelli propagandati dal PCI (in arte PD). L'Italia, piaccia o no, è veramente l'ultima in Europa. Altro che "luci in fondo al tunnel" (Monti); altro che "già si vedono i grattacieli di Manhattan" (Letta); altro che le "partenze dell'Italia"(Renzi). Vuoi vedere che ci stanno governdo dei pazzi visionari? Sinistri elettori, non fate il tifo per il vostro partito, non siamo allo stadio. Giudicate chi ci governa (o fa finta di farlo) come giudichereste l'amministratore del vostro condominio al quale non chiedete se è di dx o di sx.

glasnost

Gio, 04/02/2016 - 15:04

Per far crescere l'economia ci vogliono fatti, non chiacchiere. Come diceva anche Valentino Rossi. Ed il nostro (purtroppo) paese risulta il peggiore di tutti . Cresce persino la Grecia, mentre da noi crescono solo le tasse ed il debito pubblico. Poveri scemi!

Libertà75

Gio, 04/02/2016 - 15:12

Senza una politica di spesa e senza una politica dei salari, l'inflazione non torna a salire e se non sale l'inflazione, il PIL rallenta.

rossono

Gio, 04/02/2016 - 17:11

Se vi legge il bimbominkia dice che siete tutti gufi

MelalavoDomenica

Gio, 04/02/2016 - 18:25

poi non ritornano gli adeguamenti inflattivi sulle pensioni e tutti morranno di fame. Meno Inps .....e quindi meno spesa

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Gio, 04/02/2016 - 18:45

una cosa è sicura: i cre.tini di sinistra NON sanno fare i conti!! dimostrano benissimo i numeri di renzi.... vuole farci credere che qui va tutto bene. ed allora come mai chiede all'europa piu flessibilità? :-)