Valanga di ricorsi per ottenere la rivalutazione delle pensioni

Scatta una valanga di ricorsi per ottenere la rivalutazione della pensione. Boom di richieste in Liguria. Dall’annuncio del bonus riferito agli arretrati e degli aumenti spettanti ai 4,5 milioni di pensionati italiani, sono 138mila le persone pronte a richiedere l’aumento nelle quattro province liguri

Scatta una valanga di ricorsi per ottenere la rivalutazione della pensione. Boom di richieste in Liguria. Dall’annuncio del bonus riferito agli arretrati e degli aumenti spettanti ai 4,5 milioni di pensionati italiani, sono 138mila le persone pronte a richiedere l’aumento nelle quattro province liguri.

Roberto Sculli sul Secolo XIX scrive che i ricorsi adesso stanno diventando una valanga e sono promossi sia dai singoli che dalle associazioni: “L’obiettivo è lo stesso, sia per quanti – sono 4,5 milioni in Italia e 138 mila nelle quattro province liguri – hanno ottenuto il “bonus” riferito agli arretrati, nel cedolino di agosto, sia per quelli che non hanno ottenuto nulla (e con questi si arriva a circa 250 mila), perché titolari di pensione oltre la soglia stabilita dal governo: ottenere la rivalutazione integrale della pensione, dopo il primo blocco ad opera del governo Monti, la stroncatura della legge da parte della Corte costituzionale e il successivo intervento del governo Renzi. Che ha re-introdotto l’adeguamento al tasso di inflazione degli assegni pensionistici, ma con degli scaglioni. Escludendo chi ha una pensione superiore di sei volte il trattamento minimo, ossia 2.900 euro (lordi). La miriade di soggetti che stanno promuovendo ricorsi, che spaziano dalle associazioni di consumatori, ai sindacati dei pensionati fino a società specializzate, sostengono un’altra tesi: abrogata dalla Consulta la norma contestata la perequazione spetterebbe, senza tagli, a tutti ibloccati del 2011″.

Commenti

unosolo

Gio, 11/02/2016 - 18:09

come mai si devono fare ricorsi se esistono sentenze ? possibile che un decreto del CDM mette KO una sentenza della corte costituzionale ? chi deve far rispettare le sentenze ? pensionati che devono ancora perdere soldi per agire contro il mancato adeguamento e niente risarcimenti , la corte deve entrare a far rispettare la sentenza altrimenti a cosa serve ? se non serve si può eliminare è perdita di soldi che noi versiamo per avere i servizi ma se i servizi non funzionano perche buttare soldi.

unosolo

Gio, 11/02/2016 - 18:13

nessun parlamentare e nessun politico ha emesso una domanda per regolamentare l'adeguamento delle pensioni , tutti impegnati per gli accoppiamenti , esiste sentenza ma nessuno pretende di farla rispettare o almeno applicare i mancati adeguamenti con una causa unilaterale delle opposizioni ,visto che la maggioranza ha altri problemi seri.

unosolo

Gio, 11/02/2016 - 18:20

a cosa servono le sentenze se non vengono rispettate proprio da chi emette leggi con decreti di solo PCM non del parlamento ? possibile che sia costituzionale che il CDM possa non rispettare la sentenza e rigettarla ? nessuno dei politici si è interessato se possa un PCM nel CDM emettere un decreto e annullare il furto appurato sulla costituzionalità del decreto? le sentenze dicevano i parlamentari di sx devono essere rispettate , gia , quelle erano contro Berlusconi questa è solo contro i pensionati.

unosolo

Gio, 11/02/2016 - 18:22

chiedo scusa e mi correggo la fine " questa era a favore dei pensionati"

Ritratto di bingo bongo

bingo bongo

Gio, 11/02/2016 - 23:48

Produrranno un decreto d'urgenza con il quale ridurranno il tetto massimo per la rivalutazione delle pensioni (es. 2mila lordi) per poi approvare un provvedimento come avrebbe dovuto essere sin dall'inizio ma con una platea inferiore.Se un barbiere della camera viene mandato in "mobilità" a fare il commesso della Camera a 186 mila euri anno,quanto gli può fregare di un popolo di pecoroni che votano sempre alla stessa maniera? nopecoroni.it