Ecopass, chi si abbona entro il 18 gennaio evita le multe

Concessa una proroga di 16 giorni per i residenti e per chi acquista un
carnet multiplo: verranno scalati gli ingressi già effettuati. Potenziato il numero verde del per attivare il ticket: da 200 a 240 addetti. <a href="mailto:commenta@ilgiornale.it" target="_blank"><strong>Scrivi al
Giornale.it</strong></a>. <a href="/a.pic1?ID=231219" target="_blank"><strong><font color="#ff6600">Leggi i
commenti</font></strong></a><font color="#333333">. </font><a href="/sondaggio_1a.pic1?PID=32" target="_blank"><strong>Vota</strong></a>

Nei giorni precedenti al due di gennaio i commenti si dividevano tra favorevoli e contrari. Da un lato chi vedeva nell’Ecopass uno strumento valido, dall’altro chi ne sottolineava i limiti e ne profetizzava il fallimento. Ma dall’altro ieri tutti i giri di parole «teorici» sono stati spazzati via da discorsi ben più materiali: dalla «lotta alle polveri sottili» si è passati a parlare di file interminabili agli Atm-point, di siti internet «impallati» e di sms rimbalzati al mittente; e se fino a martedì scorso le fazioni contrapposte erano più o meno alla pari, da un lato i sostenitori e dall’altra i detrattori, a poche ore dall’entrata in vigore dell’Ecopass i rapporti di forza all’interno della discussione hanno decisamente teso da una parte da sola: la quasi totalità dei cittadini milanesi, imbufaliti per i disagi, contro il Comune di Milano, che solitario difendeva, sempre più flebilmente con il passare delle ore, la propria macchina organizzativa.
Nel pomeriggio di ieri però, passata la fase più acuta del caos, la giunta ha fatto una parziale marcia indietro, ammettendo i ritardi e gli errori; e, prevedibilmente, nel mirino dell’ira del Palazzo Marino sono finiti per primi i tecnici che erano stati pagati per gestire il debutto dell’Ecopass. «Per rispetto nei confronti dei cittadini milanesi - ha dichiarato Manfredi Palmeri, presidente del consiglio comunale - chi ha la responsabilità di far funzionare il sistema informatico e dei call center deve lavorare anche sabato e domenica per risolvere i problemi». Detto fatto, in serata di ieri sono arrivati i primi provvedimenti: innanzitutto una proroga fino al 18 di gennaio per attivare un abbonamento annuale per residenti o un ingresso multiplo agevolato (da 1 a 50 ingressi). Dall’abbonamento attivato saranno comunque decurtati gli ingressi effettuati dal 2 gennaio.
Sarà inoltre potenziato il numero verde 800.437.437, dal quale si possono attivare gli abbonamenti d’ingresso. Gli operatori del call-center passeranno da 200 a 240, per un servizio prolungato di quattro ore: si potrà chiamare fino alle 24. Allo stesso modo sarà incrementato il centralino informativo del Comune. Lo 02.0202, già attivo 24 ore su 24, sarà potenziato da 120 a 180 operatori, per 240 linee attive. Nessuna modifica al sistema di attivazione via sms, che dalle 17 di ieri, secondo il Comune, funziona perfettamente.
Un ultimo avvertimento la giunta Moratti l’ha voluto dare a quanti hanno negli anni hanno trasformato il loro veicolo da benzina o diesel in una motorizzazione ecologica, come gpl o metano: occorre inviare i propri dati e una fotocopia del nuovo libretto di circolazione per fax al numero 02.884.57056.