Ecopass L’Osservatorio ricorre al Tar: «Va sospeso»

Anno nuovo, contestazioni nuove. L’Osservatorio di Milano ha annunciato ieri il via a un nuovo ricorso al Tar e a mobilitazioni per «bloccare l’Ecopass», il provvedimento antismog, che prevede il pagamento dell’ingresso nel centro in base al tasso inquinante dei veicoli. Il provvedimento è stato approvato in Giunta il 30 dicembre, assieme all’esenzione per il 2009 per i diesel euro 4 senza filtro antiparticolato. L’Osservatorio contesta i dati diffusi dal Comune secondo il quale sono circolati 22000 veicoli inquinanti in meno dei primi 9 mesi (24,4%). «La realtà invece è un’altra - sostiene il direttore Massimo Todisco -, il trend delle auto circolanti è il seguente: -24,5% a fine gennaio, maggio e giugno -16%, -13,4% a ottobre, -12,3% a dicembre». Anche per quanto riguarda l’inquinamento, «il Comune sostiene che ci sono stati 51 giorni di superamento dei limiti di Pm10 in meno rispetto agli ultimi 5 anni ma è un dato in linea con gli altri comuni per cui l’effetto Ecopass è nullo».