Ecopass Penati: «È da bocciare»

Per tre milanesi su quattro l’Ecopass non serve a ridurre l’inquinamento. Sempre tre su quattro pensano che per abbattere lo smog serva un provvedimento che riguardi un’area più ampia del centro città, ad esempio aumentando di 20 centesimi i costi delle autostrade e reinvestendo i ricavi (40 milioni l’anno) in metropolitane e treni. È il risultato di un’indagine, svolta da Swg su 600 residenti in Milano e provincia per conto della Provincia. Per il 70 per cento degli intervistati l’Ecopass è «poco o per niente efficace», per il 74 per cento «andrebbero ricercate altre soluzioni». L’insofferenza dei cittadini per lo smog sale con la stessa proporzione delle polveri sottili: il 51 per cento dei milanesi pensa che sia un problema «grave e prioritario», il 40 per cento che sia «serio ma non prioritario». Per Filippo Penati è stata colpa dell’ostruzionismo del centrodestra se non è stato fatto un referendum su Ecopass. Smentisce Bruno Dapei, consigliere Fi: «La delibera non è mai arrivata - spiega Dapei - perché Penati non ha la maggioranza e non può approvare nulla».