"Con Ecopass il Pm ai minimi storici durante i primi 10 mesi del 2010"

Al congresso <em>Milanopediatria</em> il sindaco ricorda l'impegno nella lotta all'inquinamento: &quot;Dall’aumento del verde pubblico (+40%) al potenziamento dei trasporti pubblici con nuove linee
metropolitane, dal rinnovamento della flotta con il passaggio a mezzi più 'eco' al bike sharing e al car sharing, fino alla
misura più discussa di tutte, ossia l’Ecopass&quot;

Livelli di inquinanti Pm10 e Pm 2,5 ai minimi storici nell’aria di Milano nei primi 10 mesi del 2010. Tanto che, «per le polveri Pm 2,5 e cioè le più pericolose per la salute, pensiamo e speriamo di poter scendere quest’anno entro la soglia richiesta dalla Ue, sia per quanto riguarda le concentrazioni medie giornaliere sia relativamente al numero dei giorni di superamento» dei limiti massimi. E «per Milano sarebbe la prima volta in assoluto».

Il sindaco Letizia Moratti, fa il punto sullo stato di salute dell’aria in città dal palco del Congresso Milanopediatria 2010, in corso fino domenica all’Hotel Executive. Parlando alla platea dei medici dei bambini, il sindaco ha ricordato l’impegno dell’amministrazione comunale nella lotta all’inquinamento: «Dall’aumento del verde pubblico (+40%) al potenziamento dei trasporti pubblici con nuove linee metropolitane, dal rinnovamento della flotta con il passaggio a mezzi più 'eco' al bike sharing e al car sharing, fino alla misura più discussa di tutte, ossia l’Ecopass».

Secondo il sindaco, l’utilità dell’Ecopass è dimostrata da «dati scientifici» e in particolare dagli ultimi dati disponibili sui livelli di smog sotto la Madonnina. «Per quanto riguarda il Pm10 - ha riportato - le concentrazioni medie nei primi 10 mesi del 2010 sono scese a 38 microgrammi/metro cubo contro i 42 dello stesso periodo 2009», mentre «prima dell’introduzione dell’Ecopass si attestavano stabilmente a livelli superiori ai 45 microgrammi/metro cubo». Sempre per il Pm10, a ottobre 2010 «i giorni di superamento della soglia Ue sono stati 65 contro i 72 dei primi 10 mesi 2009», mentre nell’era pre-Ecopass «i giorni di sforamento superavano i 100, con punte di 127, nei primi 9 mesi dell’anno». Per quanto riguarda invece il Pm2,5, fra gennaio e ottobre 2010 «abbiamo raggiunto i livelli più bassi da quanto esistono le rilevazioni di questa frazione di polveri: concentrazioni medie pari a 24 microgrammi/metro cubo, mentre tra gennaio e novembre 2007 ci si attestava su valori di 32». Proprio alla luce di questi ultimi dati, «nel 2010, per la prima volta in assoluto - ha precisato ancora Moratti - abbiamo la concreta possibilità di raggiungere i valori fissati dalla Ue».