Ecopass, per la Provincia non serve a niente

L’Ecopass è inutile. Lo sostiene la Provincia di Milano. «Il ticket d’ingresso non serve a migliorare l’aria dell’area metropolitana milanese» sostiene Bruna Brembilla, assessore provinciale all’Ambiente. Provvedimento definito inutile e senza efficacia dall’amministrazione Penati perché «le deroghe al pedaggio sono molte», «l’area coinvolta è troppo limitata territorialmente» e pure perché «il costo è troppo elevato e discriminante».
Ammette però l’assessore del Pd che «il nostro territorio è tra i più urbanizzati, sviluppati ed inquinati del pianeta» e che, quindi, occorrono «interventi, non solo sul traffico, finalizzati soprattutto alla tutela della salute dei cittadini che vi abitano e vi lavorano». Quali? Palazzo Isimbardi offre «risposte concrete» secondo l’assessore Brembilla «in tema di contenimento dello smog» destinando 2,5 milioni di euro - spalmati nel triennio 2007-2009 - all’«efficienza energetica e ai controlli delle caldaie, con l’obiettivo di generare ulteriori investimenti nel pubblico e nel privato per circa 20 milioni di euro». Come dire: «Con queste cifre realizziamo un programma energia che prevede l’impulso di fonti innovative e rinnovabili».