Edison perde terreno

Piazza Affari chiude in rialzo l’ultima seduta della settimana, con il Mibtel in crescita dello 0,34% a 32318 punti e lo S&P/Mib dello 0,4% a 42111 punti (nuovo massimo storico), mentre All Stars ha superato di poco la parità (più 0,09% a 17271 punti), tra scambi vivaci per 5,2 miliardi di euro. Occhi puntati su Telecom (più 0,93%) e Pirelli (più 3,36%), su ipotesi di contatti per allargare il libro soci di Olimpia, ma acquisti anche su Fiat (più 2,14%) alla vigilia del dati sul mercato Ue dell’auto e della presentazione dei piani di Iveco. Bene anche le finanziarie di famiglia Ifi (più 1,12%) e Ifil (più 1,22%). Tra i bancari, in luce le Popolari, con rialzi per Bpi (più 1,59%), scesa sotto la soglia del 2% di Unipol (più 0,91%). Bene anche Bpm (più 0,62%), mentre tra i grandi sono andate bene Unicredit (più 0,78%) e la superbanca Intesa Sanpaolo (più 0,7%). Difficoltà per Eni (meno 0,61%), penalizzata dal calo del petrolio, stabile Enel e debole Edison (meno 1,3%). Sotto pressione Parmalat (meno 2,12%) e StM (meno 1,27%). Pesante Kme (meno 1,92%), dopo la cessione del 6% da parte di Gim (più 1,19%), che ha ricavato una plusvalenza di 7 milioni di euro.