Edison, la Robin tax pesa sui nove mesi In Egitto investimento da 750 milioni

Meno male che c’è il terzo trimestre che permette di confermare per il 2008 i risultati del 2007. Ieri Edison ha presentato, infatti, i conti dei nove mesi che vedono una netta accelerazione dei ricavi che sono passati da 5,91 miliardi del corrispondente periodo del 2007 ai 7,76 di quest’anno, con una crescita del 31,2%, ma con tutti gli altri indicatori in calo. Il margine operativo lordo è sceso infatti del 4,8% (del 2,7% a parità di perimetro), il risultato netto è passato da 321 a 219 milioni (-31,8%), l’indebitamento è salito a 2.821 milioni, 134 in più rispetto a fine 2007. Colpa della Robin tax, afferma il documento presentato ieri da Foro Buonaparte che sottolinea come la tassa (pari a 106 milioni) sia addirittura superiore al calo dell’utile, che diversamente sarebbe cresciuto di 4 milioni. Colpa, però, anche del non brillante andamento del settore idrocarburi che hanno risentito dello sfasamento temporale tra il prezzo pagato all’acquisto e quello che è stato possibile applicare alla clientela. Meglio è andato il terzo trimestre, che ha risollevato la situazione con un Mol che è passato da 366 a 400 milioni (+9,3%) e con un risultato netto di 117 milioni (+80%). Il gruppo ha potuto così annunciare che a fine anno i conti chiuderanno in linea con quello precedente o in leggero miglioramento. La Borsa, comunque, non è apparsa entusiasta e ha penalizzato il titolo che ha perso il 7,8% a 1,12 euro. L’ad Umberto Quadrino, presentando il bilancio agli analisti, ha annunciato che entro poche settimane Edison dovrebbe concludere il contratto con l’Egitto per il maxi-giacimento di gas di Abu Qir (investimento di 750 milioni).
Bene E.On Intanto il gruppo tedesco E.On ha registrato vendite in aumento del 22% da 49,4 a 60,5 miliardi. Il fatturato è salito, in nove mesi, grazie anche alle attività acquisite in Italia (l’ex Endesa Italia), Spagna (Viesgo e alcune centrali Endesa) e Russia. L’utile netto è cresciuto del 6% a 4,5 miliardi, gli investimenti sono quadruplicati a 19 miliardi.