Edison: Zaleski converte i warrant e incassa le cedole

Il finanziere diventerà il terzo azionista del gruppo con il 10% L’operazione dovrebbe essere conclusa entro il 18 febbraio

da Milano

Zaleski diventerà il terzo azionista di Edison. Le due finanziarie che fanno capo al finanziere Romain Zaleski, la Carlo Tassara e la controllata Fincamuna, hanno infatti deliberato di convertire gli oltre 519 milioni di warrant in azioni ordinarie Edison. Lo riferisce Radiocor in seguito a un comunicato emesso dalla Tassara in cui si precisa che il gruppo avrà una partecipazione complessiva in Foro Buonaparte superiore al 10% del capitale. A oggi l'azionariato di Edison è composto da Transalpina di energia al 71,2%, Edf al 17,3% e flottante pari all'11,4%. Dopo la conversione dei warrant, l'azionariato vedrà Tde con il 61,3%, seguita da Edf con il 19,4%, Zaleski con il 10% e il flottante ridotto al 9,3%.
La finanziaria che fa capo a Zaleski precisa che il cda di Fincamuna ha deliberato di esercitare i diritti relativi ai «warrant Edison ordinarie 2007» dalla stessa detenuti e di procedere alla sottoscrizione di 515.315.677 azioni ordinarie Edison al prezzo di un euro per azione. Anche la controllante Carlo Tassara ha deliberato di sottoscrivere 4.100.000 azioni ordinarie Edison in conversione dei warrant dalla stessa posseduti. Le richieste di conversione verranno inoltrate alle banche depositarie nel mese di gennaio e avranno effetto dall'ultimo giorno di Borsa aperta del mese di presentazione. In altri termini, la conversione dovrebbe avvenire gradualmente a partire dal 1° febbraio. «Con la decisione di procedere all'esercizio dei diritti di sottoscrizione - spiega la nota - il gruppo Carlo Tassara realizza un importante investimento nel settore energetico e conferma le proprie positive valutazioni su Edison».
La decisione di Zaleski permette alla Tassara di convertire i warrant prima del 19 febbraio, data in cui si terrà il cda di Edison, e oltre la quale la conversione è sospesa fino allo stacco delle cedole. In questo modo il finanziere potrà incassare i dividendi del 2006, previsti in crescita rispetto agli 0,038 euro per ogni ordinaria nel 2005.
I warrant erano stati acquistati dal finanziere nel 2003 rastrellando titoli inoptati e, a fronte degli attuali corsi di Borsa del titolo Edison (che ieri ha chiuso con un prezzo ultimo di 2,04 euro), per Zaleski è prevista ovviamente una notevole plusvalenza. Alla plusvalenza sui titoli si aggiungerà così il dividendo.