Gli editori: «Penalizzati dalla tv»

Roma. Crescono i lettori ma anche i costi di produzione mentre la pubblicità è in calo. È quanto emerge dal rapporto Fieg, la Federazione editori giornali italiani, sul triennio 2004-2006. Nel 2006, ad esempio, i ricavi editoriali delle imprese editrici di quotidiani sono cresciute dell’1,9%, mentre i costi operativi del 6,1%. Tra i problemi più rilevanti c’è per la Fieg «la lievitazione dei costi di produzione riconducibile ad automatismi salariali» e il costo della carta, aumentato l’anno scorso del 7%. Inoltre i ricavi pubblicitari che rappresentavano circa il 58% del fatturato nel 2000, sono scesi al 45,8% nel 2005, un fenomeno «grave» imputato alla «posizione di dominanza della televisione» e per il quale si invoca un «riequilibrio».