Editoria, Soru ha acquistato l'Unità

Il governatore della Sardegna ha firmato il contratto
per l’acquisizione del quotidiano
fondato da Antonio Gramsci. Il contratto sarà eseguito il 5
giugno: una fondazione promossa da Soru rileverà
la testata

Roma - Il governatore della Sardegna e fondatore di Tiscali, Renato Soru, ha firmato il contratto per l’acquisizione de l’Unità. La firma è avvenuta stamattina alle 8. L’annuncio è stato dato da Marialina Marcucci, presidente della Nie (Nuove iniziative editoriali), società attualmente editrice del quotidiano fondato da Antonio Gramsci. Il contratto sarà eseguito il 5 giugno e sarà una fondazione promossa da Soru a rilevare la testata.

Soddisfazione del Cdr Il Comitato di redazione de l’Unità esprime soddisfazione dopo la firma del contratto per l’acquisizione del quotidiano fondato da Antonio Gramsci da parte del Governatore della Sardegna, Renato Soru. "In tutti questi mesi - dice Ninni Andriolo - ci siamo battuti perchè i nuovi assetti dell’Unità fossero coerenti con la sua storia e il suo radicamento e garantissero prospettive di sviluppo certo al giornale. La soluzione che si è determinata risponde a queste richieste e ci soddisfa appieno". "Verificheremo in concreto - assicura il Cdr dell’Unità - i piani e le intenzioni della proprietà a partire dal comitato dei garanti e dalla Carta dei valori che abbiamo chiesto in questi mesi". La rappresentanza sindacale ricorda "l’impegno della redazione, un esempio di dignità professionale e di legame con la testata". Infine il ringraziamento ai vertici del Partito democratico i quali "si sono impegnati a fondo per un rilancio concreto e serio per il giornale". Un grazie sentito anche a «tutti coloro che ci hanno aiutato a superare una fase estremamente difficile, a partire dalla Federazione nazionale della stampa e dai sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil".